De Luca annuncia: “Pomigliano dovrà rimanere la sede principale di Leonardo”

Si è tenuta questa mattina una riunione in videoconferenza tra il Presidente Vincenzo De Luca e i vertici dell’azienda “Leonardo”, presenti il direttore generale Lucio Valerio Cioffi e il direttore Relazioni Istituzionali Filippo Maria Grasso.

De Luca incontra i vertici di Leonardo

Nel corso della riunione, è stato affrontato innanzitutto il tema della Cassa integrazione, che va garantita in tempi stretti e la contestuale programmazione di investimenti per gli stabilimenti di Pomigliano d’Arco e Nola nel campo dell’aviazione civile e di attività per la Difesa.

L’innovazione tecnologica dovrà essere al centro della programmazione delle iniziative possibili con la Regione e con le università campane. Pomigliano dovrà rimanere la principale sede progettuale strutturale per tutte le azioni di innovazione e ricerca di “Leonardo” in Italia.

Leonardo di Pomigliano e Nola, 1600 lavoratori in cassa integrazione

A dicembre furono annunciate tredici settimane di cassa integrazione ordinaria per i lavoratori della divisione aerostrutture di Leonardo.

Nello stabilimento di Pomigliano d’Arco i lavoratori interessati dalla cassa integrazione sono 1174, nel sito di Nola invece 430” – diceva il comunicato sindacale delle rsu dei due stabilimenti. Il 6 dicembre, in tutti gli stabilimenti italiani di Leonardo e quindi anche in quelli di Pomigliano, Nola, Giugliano e Monterusciello ci fu uno sciopero a Roma di tutti i lavoratori per una manifestazione nazionale.

Potrebbe anche interessarti