Cimitero di Poggioreale, dopo il crollo resta chiuso: l’annuncio del Comune di Napoli

Il cimitero Monumentale di Poggioreale resta chiuso. 

In attesa di nuove disposizioni dell’autorità giudiziaria, sulla base del decreto di sequestro del Tribunale, il cimitero Monumentale di Poggioreale, interessato da un crollo avvenuto nelle scorse settimane, resta chiuso.

Cimitero di Poggioreale, chiuso dopo il crollo del 5 gennaio

Il cimitero è chiuso dal 5 gennaio quando un flusso d’acqua improvviso avrebbe causato il disastro.  Il crollo ha danneggiato circa 200 loculi. Alcune bare hanno subito una parziale scoperchiatura causando, dunque, la fuoriuscita dei cadaveri. Un episodio che non ha fatto altro che accentuare il degrado del luogo, più volte denunciato, e lesivo della dignità dei defunti e dei loro cari.

Un imprevisto ed intenso afflusso d’acqua durante lo scavo della seconda galleria che dalla stazione di Poggioreale sale verso Capodichino” avrebbe causato l’allagamento che ha provocato il crollo. “Il notevole flusso d’acqua e detriti – si spiega – ha causato l’allagamento del cantiere della stazione in costruzione e cedimenti al terreno nella parte inferiore del cimitero di Poggioreale, con importanti danni alle strutture cimiteriali. Fino a quel momento tutte le attività di controllo dei cedimenti non avevano evidenziato nessuna criticità“.

“Siamo intervenuti prontamente per ripristinare il decoro e la salute pubblica. Ora occorre avviare il recupero dei resti delle salme per assicurare alle stesse degna sepoltura“, aveva detto l’assessore alla Salute Santagada subito dopo il crollo.

Potrebbe anche interessarti