De Luca: “La Campania tornerà in zona bianca. Ci avviamo verso la normalità”

Il Presidente della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del consueto aggiornamento alla cittadinanza, ha annunciato il passaggio della Regione in zona bianca parlando di un progressivo ritorno alla normalità.

De Luca: “Verso la normalità, la Campania tornerà in zona bianca”

Queste le sue parole: “La situazione va rapidamente migliorando. Credo che ci stiamo avviando verso la fuoriuscita dall’epidemia e cominciamo a imboccare la strada di un ritorno alla normalità. Dopo la prossima settimana la Regione potrà tornare in zona bianca. Non cambia molto, forse solo dal punto di vista psicologico”.

“Dunque ritorneremo in zona bianca. Sono ormai quasi due settimane che registriamo un tasso di occupazione delle terapie intensive sotto al 10% dei posti letto. La linea di rigore che stiamo seguendo produce risultati significativi e dobbiamo continuare così”.

“Questo ci consentirà di tornare a riaprire le attività ordinarie. Uno dei danni determinati dall’epidemia è l’aggravamento della situazione di migliaia di pazienti non covid che hanno dovuto rinviare interventi nel campo neurologico, cardiologico e così via”.

“Dobbiamo riprendere in mano tutto il servizio dal punto di vista sanitario ritornando a offrire servizi rapidi anche a pazienti non covid. Se la situazione prosegue in questo modo già per fine mese potremo cominciare a riaprire i reparti che avevamo chiuso per accogliere pazienti covid. Il dato relativo ai ricoveri in area medica è ancora rilevante ma ci auguriamo di poter avere un alleggerimento complessivo per la fine del mese”.

Ha ribadito, inoltre, la necessità di estendere l’obbligatorietà dell’uso della mascherina: “Rimane obbligatorio l’uso della mascherina all’aperto, una piccola misura che ci aiuta ad uscire dal covid e ci fa stare un po’ più sereni. Serve per proteggersi di più nelle due situazioni più delicate di assembramento cioè all’entrata e all’uscita dalle scuole e nelle nottate di movida. In questi casi è utilissimo mantenerla sul volto”.

“Un altro problema è rappresentato dall’abbassamento drammatico degli screening oncologici. La situazione è davvero grave, dobbiamo riprendere rapidamente. Sono quasi azzerati, dobbiamo riprendere con grande determinazione l’attività di controllo preventivo. Avremo iniziative simboliche nei prossimi giorni, laboratori mobili che gireranno per le piazze. Dobbiamo avere una rinnovata sensibilità soprattutto da parte delle giovani donne”.

Potrebbe anche interessarti