Tutti accettano la proposta di Mastella: parte dell’indennità degli assessori donata per il popolo ucraino

mastella indennità ucraino
Foto fb Clemente Mastella

Cittadini, associazioni, categorie professionali: tutti in questi giorni si stanno mobilitando per aiutare il popolo ucraino. Continuano infatti i bombardamenti della Russia sulla capitale Kiev e altre città nonostante siano in queste ore aperti i negoziati. La diplomazia è in campo per la pace che purtroppo sembra essere un traguardo difficile mentre lo spettro del nucleare si fa via via più concreto.

MASTELLA IN AUTO DEL POPOLO UCRAINO: LA PROPOSTA DELL’IDENNITA’

Le persone cercano di fuggire sotto la metro o nei ritrovi anti aero portando con sé pochi beni necessari alla sopravvivenza. Dall’Italia quindi si moltiplicano le iniziative di chi vuole inviare medicinali, coperte, giochi ai cittadini ucraini. Il sindaco di Benevento Mastella ha proposto una raccolta fondi in seno alla sua amministrazione comunale: donare parte dell’indennità degli assessori al popolo ucraino. Una proposta che è stata accolta positivamente da tutti, come fatto sapere dal primo cittadino attraverso un comunicato:

Il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, ha proposto ai membri della Giunta comunale, che hanno favorevolmente accettato, di devolvere una quota della propria indennità di assessore, a beneficio delle necessità del popolo ucraino“.

A Benevento ieri i cittadini erano scesi in strada manifestando per la pace.

Domani ci sarà un incontro operativo con tutte le associazioni umanitarie della città e con la rappresentanza della comunità ucraina a Benevento per definire i modi con i quali inviare beni di prima necessità a lunga scadenza e materiale sanitario anche prima dell’apertura del corridoio umanitario. Chiunque vorrà dimostrare generosità potrà rivolgersi a queste associazioni ed al Comune“.

LE INIZIATIVE A NAPOLI

Anche il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, si è detto pronto ad accogliere i profughi ucraini che arriveranno dalla Polonia. Si valuta in accordo con la Prefettura e il Ministro degli Interni dei permessi di soggiorno umanitari a carattere temporaneo.

Potrebbe anche interessarti