L’Italia è in stato di pre-allarme per il gas: che significa e cosa cambia

A seguito dello scoppio dei conflitti tra Russia e Ucraina, il Ministero della Transizione ecologica, lo scorso 26 febbraio, ha dichiarato lo stato di pre-allarme per le forniture di gas in Italia.

Stato pre-allarme per il gas in Italia: cosa significa

Si tratta di uno dei primi step previsti all’interno del protocollo di crisi che prevede tre differenti livelli: monitoraggio, allarme e infine emergenza. A metà strada tra i primi due stadi, lo stato di pre-allarme è una misura di cautela volta ad avviare un monitoraggio costante della situazione energetica nazionale.

Sostanzialmente per i primi due livelli il mercato e le forniture continuano a funzionare normalmente non producendo alcun cambiamento nei consumi dei cittadini. Del resto non è la prima volta che l’Italia si trova in stato di pre-allarme.

Soltanto con il passaggio alla fase di emergenza vera e propria potrebbe essere introdotto l’utilizzo dello stoccaggio strategico (speciali riserve che si possono usare solo quando il mercato è in sofferenza) e la limitazione delle forniture per alcune imprese previste dalla legge.

Già in fase di pre-allarme il Paese provvede al riempimento dello stoccaggio anticipato rispetto alle procedure adottate in condizioni normali. Al momento, dunque, non è previsto nessun razionamento dei consumi energetici a carico degli utenti finali ma se la situazione dovesse assumere i caratteri di una vera e propria emergenza non sarebbero esclusi interventi riparatori.

Cosa cambia tra stato d’emergenza per la guerra e per covid

A seguito dell’invasione in Ucraina, da parte dei militari russi, il Premier Draghi ha dichiarato anche lo stato d’emergenza umanitaria che nulla ha a che fare con quello relativo alla pandemia da covid. Il provvedimento, in vigore fino al 31 dicembre 2022, ha semplicemente lo scopo di fornire il massimo aiuto alla popolazione ucraina.

Potrebbe anche interessarti