Benzina, accise ridotte di 15 centesimi: quanto si risparmierebbe al mese

Sciopero benzinaiIl governo dovrebbe tagliare di 15 centesimi le accise su benzina e diesel. Le misure saranno esposte nel nuovo decreto per fronteggiare il caro bollette.

Caro benzina, il Governo pensa ad un decreto

L’intervento previsto è quello illustrato dal ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, nell’informativa in Senato che dovrebbe contribuire a ridurre il prezzo dei carburanti alla pompa di 10-15 centesimi al litro. A confermarlo è la viceministra dell’Economia, Laura Castelli: “È un’ipotesi concreta per ridurre le accise su carburanti e combustibili per uso civile. Si tratta di un’operazione straordinaria, che si richiama ad un meccanismo previsto per la crisi del 2007, utile a contenere l’impatto dell’aumento del costo dei carburanti sui consumatori finali. In sostanza, il maggior gettito Iva dovuto all’aumento della base imponibile verrebbe utilizzato per ridurre l’accisa corrispondente e avere, quindi, una diminuzione del prezzo finale“.

Accise ridotte a 15 centesimi: quanto si risparmierebbe?

11 euro al mese; è questo, secondo le stime di Facile.it, il risparmio medio per un automobilista italiano se il Governo ridurrà effettivamente il peso delle accise di 15 centesimi di euro a litro.

L’intervento porterebbe i prezzi alla pompa a circa 2 euro al litro nella modalità self. La spesa media mensile per fare rifornimento oggi è arrivata, rispettivamente, a 167 euro per la benzina e 160 euro per il diesel; con l’intervento ipotizzato dal Governo la spesa mensile scenderebbe a 156 euro al mese per fare il pieno ad un’auto a benzina e 149 euro per una a diesel.

Il taglio delle accise riuscirebbe solo parzialmente a contrastare gli aumenti record delle ultime settimane: con i prezzi calmierati, in un mese un automobilista spenderebbe, in benzina, circa 36 euro in più (+30%) rispetto allo scorso anno; 44 euro in più (+42%) se si tratta di diesel.

Potrebbe anche interessarti