Covid da record in un paziente: positivo per 505 giorni, poi muore

covid coronavirus variante omicronHa avuto il covid per un anno e quattro mesi (505 giorni in totale) e poi è deceduto. È quanto accaduto a un paziente immunodepresso che ha contratto il virus e ha fatto registrare il periodo più lungo di infezione mai documentata (quello precedente arriva a 335 giorni). Il caso è stato esposto in Portogallo al congresso della Società Europea di Microbiologia Clinica e Malattie Infettive da esperti del King’s College London and Guy’s and St Thomas’ NHS Foundation Trust.

COVID, IN UN PAZIENTE DURATO 505 GIORNI

Come si legge nel documento sul sito dell’ateneo:

Lo studio ha coinvolto nove pazienti immunocompromessi che sono risultati positivi al virus per almeno otto settimane. Le infezioni sono persistite in media per 73 giorni, ma due pazienti hanno avuto infezioni persistenti per più di un anno. I pazienti, che sono stati studiati tra marzo 2020 e dicembre 2021, avevano il sistema immunitario indebolito a causa di trapianti di organi, HIV, cancro o terapie mediche per altre malattie“.

La ricerca ha mostrato che nuove varianti di virus si sviluppano in chi ha meno difese:

Il campionamento regolare e l’analisi genetica del virus hanno mostrato che cinque dei nove pazienti hanno sviluppato almeno una mutazione osservata nelle varianti preoccupanti. Alcuni individui hanno sviluppato mutazioni multiple associate a varianti preoccupanti, come le varianti Alpha, Delta e Omicron. Cinque dei nove pazienti sono sopravvissuti. Due di questi cinque non hanno avuto un trattamento per l’infezione da SARS-CoV-2, due hanno eliminato l’infezione dopo il trattamento con terapie anticorpali e antivirali e un individuo ha un’infezione in corso“.

UN CASO DI INFEZIONE OCCULTA

I ricercatori segnalano anche uno dei primi casi di infezione occulta da COVID-19. Infezione occulta significa qualcuno che è risultato negativo alla PCR per COVID nonostante abbia un’infezione in corso. In questo caso, il paziente era sintomatico ed è risultato positivo con la variante Alpha nel 2021, quindi i sintomi si sono attenuati e sono risultati negativi in ​​​​più punti temporali. Il paziente ha sviluppato sintomi di COVID diversi mesi dopo. Il sequenziamento del genoma del virus a questo punto successivo ha mostrato che l’infezione era causata dalla variante Alpha, che era stata eliminata dal Regno Unito, suggerendo che il virus era in agguato nel corpo senza essere rilevato“.

Potrebbe anche interessarti