Draghi vicino alle famiglie: “Pronto un bonus di 200 euro per lavoratori e pensionati”

draghi bonusIeri sera il premier Mario Draghi ha parlato agli italiani in conferenza stampa. Molti i temi toccati, dalla guerra in Ucraina agli aiuti economici in un momento di crisi per le famiglie.

DRAGHI CONTRO IL CAROVITA: PRONTO UN BONUS CON AIUTI ALLE FAMIGLIE

È stato infatti approvato un provvedimento che prevederà un bonus di 200 euro per ogni lavoratore e pensionato con un reddito inferiore a 35 mila euro. Queste le parole del premier che ha presentato il ‘decreto aiuti’ che sarà pronto a breve termine e che contiene interventi per 14 miliardi:

Nel clima di grandissima incertezza che c’è, il governo fa il possibile per poter dare un senso di direzione, di vicinanza, a tutti gli italiani e le azioni, le decisioni di oggi rappresentano bene questa determinazione del governo. In un certo senso, è il senso del governo stesso. I provvedimenti di oggi affrontano il caro-vita, l’accelerazione dei prezzi dipende in larghissima misura dai prezzi dell’energia. E questo significa che si tratta di una situazione temporanea che va affrontata con strumenti eccezionali“.

Come precisato in un tweet di Palazzo Chigi:

Presidente Draghi: Approvato un provvedimento di sostegno a 28 mln di italiani. Per i pensionati e lavoratori dipendenti che hanno un reddito fino a 35 mila euro ci sarà un bonus uguale per tutti di 200 euro“.

LE AREE DI INTERVENTO

Diversi i campi nei quali vuole agire il governo:

Approviamo liberalizzazioni, riforme nel settore delle energie rinnovabili, che ci permettono di accelerare la transizione ecologica, di fare quello scatto negli investimenti nelle rinnovabili, che contribuiranno a renderci più indipendenti dal gas russo“.

Sulla guerra in Ucraina, il premier già si era espresso sull’embargo al gas russo:

Noi cerchiamo la pace, non abbiamo bisogno di riposizionare l’Italia in questo senso, non c’e’ nessun appiattimento. Le armi sono state avviate da tutti i partner, non devo riposizionare niente. Nessuno di noi vuole abbandonare l’Ucraina“.

Potrebbe anche interessarti