Al Giro d’Italia la bufala sulla pizza: non è vero che la Margherita fu inventata per la regina savoiarda

giro d'italia pizza margheritaAl Giro d’Italia la bufala sulla nascita della pizza Margherita. In occasione della tappa che si è svolta a Napoli e ai Campi Flegrei è stato pubblicato, sui social, un video dedicato alla città partenopea che fa parte di Giro Express: si tratta di un appuntamento giornaliero in cui un ciclista amatore belga, Olivier, mostra le bellezze dei territori che vengono attraversati dalla carovana rosa. Sabato Olivier ha parlato di Napoli ed una menzione speciale non poteva non averla la pizza, la pietanza più conosciuta, consumata e mangiata al mondo.

LEGGI ANCHE – La Margherita non fu inventata per la Regina d’Italia: la vera storia

Il ciclista si è recato presso la pizzeria Brandi dove, com’è noto, vi è una targa in cui è scritto che la pizza Margherita sarebbe nata nel proprio lì nel 1889. In realtà, le fonti storiche ci dicono che la pizza con pomodoro, mozzarella e basilico veniva già preparata e mangiata tra la fine del Settecento e gli inizi dell’Ottocento, ed era conosciuta appunto come Margherita per la disposizione data alle fette di mozzarella. Il filologo Emmanuele Rocco, nell’opera Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti del 1858, descrive una pizza condita con “pomidoro, sottili fette di muzzarella e foglia di basilico”: siamo ben 31 anni prima della citata da Brandi.

La Margherita esisteva già almeno 31 anni prima della visita della regina a Napoli

Nella video puntata pubblicata dal Giro d’Italia, invece, da un membro dello staff della pizzeria Brandi è stata raccontata la solita leggenda del pizzaiolo Raffaele Esposito, il presunto pizzaiolo più celebre a Napoli nel 1889, che avrebbe preparato tre pizze ai sovrani savoiardi in visita a Napoli. “Preparò per la regina tre tipologie di pizza – afferma – e una se la inventò al momento. Mettendo il bianco della mozzarella, il rosso del pomodoro e il verde del basilico ricreò i colori della bandiera italiana. In quel momento la regina, avendo gradito maggiormente questo tipo di pizza, gli chiese ‘Come si chiama questa pizza buon uomo?’; e lui da buon napoletano: ‘Se permette, alla Margherita, vostra maestà'”.

Continua quindi la diffusione della bufala storica sulla nascita della pizza Margherita, ormai smentita da numerosi anni. Prosegue la non curanza degli addetti ai lavori nel non informarsi a dovere prima di raccontare la storia di un simbolo della città di Napoli, mancando così di rispetto ad un aspetto della cultura partenopea.

 

Potrebbe anche interessarti