Esame di Maturità 2022, la prima prova scritta: tutte le tracce

Dalle 8.30 di questa mattina comincia ufficialmente l’Esame di Maturità 2022. La prima prova è il tema scritto di italiano che torna dopo due anni, una pausa forzata dovuta all’emergenza Covid – 19. Sono 520mila gli studenti chiamati a sostenere gli esami nelle scuole italiane. Gli studenti in classe potranno stare senza mascherina, provvedimento adottato in extremis dal Governo; per gli alunni positivi al coronavirus invece è prevista una prova suppletiva programmata per il 6 e 7 luglio.

Maturità 2022: la prima prova

La prima prova di questa mattina vale fino a 15 punti, mentre la prova orale potrà costituire fino ai 25 punti su 100 del voto finale complessivo. La seconda prova, che si tine domani ed è diversa a seconda del tipo di istituto, è depotenziata e concorre al voto finale per un massimo di 10 punti.

Tema di italiano: le tre tipologie

Le tracce predisposte dal Ministero dell’Istruzione sono 7, divise in 3 tipologie:
– Tipologia A, due tracce di analisi del testo (uno poetico e uno in prosa)
– Tipologia B, tre tracce di testo argomentativo (uno in ambito storico)
– Tipologia C, due tracce di attualità

Le tracce

Per le prime due tracce di analisi del testo gli autori scelti dal Ministero dell’Istruzione sono Giovanni Verga con un brano dalla novella Nedda, e Giovanni Pascoli con la poesia La via ferrata dalla raccolta Myricae.

LEGGI ANCHE – “La via ferrata” di Giovanni Pascoli: testo e significato della poesia

Per il tema argomentativo ci sono Liliana Segre e Gherardo Colombo con un brano tratto dal libro La sola colpa di essere nati. Inoltre Oliver Sacks con un brano da Musicofilia.

Per le tracce di attualità invece abbiamo il brano Perché una costituzione della Terra? di Luigi Ferrajoli, sulle conseguenze del Covid. C’è infine il brano Tienilo acceso. Posta, commenta, condividi senza spegnere il cervello di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Infine una traccia con un discorso di Giorgio Parisi, premio Nobel per la Fisica.

Articolo in aggiornamento. Cliccare qui per ricaricare

Potrebbe anche interessarti