Covid, spunta una nuova variante quella indiana: in una settimana raddoppiano i ricoveri nei bimbi

covid bimbi Preoccupano i dati covid relativi all’Italia con un aumento sempre maggiore dei positivi che porta ad oltre un milione e 100 i casi. Oggi sono stati registrati 107.786 positivi (14 mila in Campania) e 72 vittime, 380.035 i tamponi effettuati con il tasso di positività che si attesta al 28,4%.

COVID, AUMENTANO I CASI NEI BIMBI: OSPEDALIZZAZIONI RADDOPPIATE IN UNA SETTIMANA

In appena una settimana è aumentato del 19% il numero dei pazienti ricoverati a causa del Covid, sia nei reparti ordinari che nelle terapie intensive. A dirlo sono i dati diffusi dalla Federazione delle aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso) che parlano di un incremento del 15% nei reparti ordinari mentre nelle terapie intensive si assiste a un raddoppio del numero dei posti letto occupati. Come è possibile leggere nel comunicato:

Nelle rianimazioni, in particolare, persiste una quota di no vax pari al 19%; tra i vaccinati, invece, l’80% dei presenti risulta aver fatto il vaccino da oltre 4 mesi“.

Preoccupano però anche i contagi nei bambini che in una settimana fanno raddoppiare le ospedalizzazioni pediatriche dovute al Covid-19. I più colpiti sono i più piccoli, nella fascia d’età tra 0 e 4 anni che rappresentano il 78% dei piccoli ricoverati. Dal monitoraggio dei quattro ospedali pediatrici e dei reparti di pediatria aderenti al network di strutture sentinella emerge un incremento dell’84% dei pazienti sotto i 18 anni: si passa dai 51 ricoverati del 28 giugno ai 94 del 5 luglio.

PREOCCUPA LA VARIANTE INDIANA

Intanto preoccupa una nuova variante scoperta in India il 2 giugno scorso, la sottovariante BA.2.75. Come spiegato dal virologo Fabrizio Pregliasco all’Adnkronos Salute:

La nuova variante si sta già vedendo in giro per il mondo, per esempio in Oceania e in Inghilterra, quindi l’arrivo anche da noi in Italia potrebbe essere molto rapido. La convivenza con il coronavirus sarà caratterizzata da un andamento endemico, ma non tranquillo. Questo virus non è una presenza ‘banale’“.


Segui Vesuviolive.it su:

Potrebbe anche interessarti