Caldo estremo che uccide, le ondate di calore hanno causato un aumento della mortalità del 21%

Il caldo delle prime due settimane di luglio ha causato un aumento della mortalità del 21%, con 733 decessi nelle 33 città italiane oggetto di monitoraggio.

Caldo, mortalità in aumento in Italia

È quanto emerge dal bollettino del sistema di sorveglianza sulle ondate di calore pubblicato dal Ministero della Salute e riferito al periodo 16 maggio-15 luglio 2022.

A giugno nelle 33 città è stata registrata una mortalità del 9% superiore all’atteso. Dall’1-15 luglio le città in cui si è registrato l’incremento maggiore sono state Latina (+72%), Bari (+56%), Viterbo (+52%), Cagliari (+51%), Catanzaro (+48%). Un incremento registrato soprattutto nel Centro-Sud Italia e che gli esperti legano alle elevate temperature.

Il bollettino riporta che dal mese di maggio 2022, si sono registrate temperature superiori alla media stagionale di +3,2°C in tutto il Paese e tra la fine di giugno e la prima settimana di luglio si sono registrati picchi di temperatura compresi tra 37-40 gradi.

Secondo gli esperti farà sempre più caldo

Il testo mette in evidenza come secondo l’Organizzazione mondiale della meteorologia (Wmo) le ondate di calore dell’estate 2022 saranno in futuro più che normali e secondo le recenti stime dell’Intergovernmental panel of climate change (Ipcc) nell’ultimo rapporto, avranno un impatto sempre più importante sulla salute della popolazione.


Secondo gli esperti dell’Ipcc, infatti, le temperature nei prossimi anni aumenteranno più velocemente nell’area del Mediterraneo e in Italia, rispetto ad altre aree del pianeta. Si avrà un aumento delle temperature estreme, della siccità e degli incendi, alla diminuzione del manto nevoso e della velocità del vento, oltre all’incremento medio del livello del mare.

Potrebbe anche interessarti