“Le donne di Scampia spaccerebbero l’utero”, De Girolamo: “Verrò lì a chiedervi scusa”

nunzia de girolamo utero in affitto scampia spaccio
Nunzia De Girolamo e lo “spaccio di utero” a Scampia

A seguito delle dichiarazioni offensive nei confronti delle donne di Scampia, emerse nel corso della trasmissione Piazza Pulita dello scorso 15 settembre relativamente al tema dell’utero in affitto, Nunzia De Girolamo, ex ministro e parlamentare di centro destra, ha pubblicato, su Instagram, un video di scuse.

“Le donne di Scampia spaccerebbero l’utero”, è bufera su Nunzia De Girolamo: le scuse

“Sono assolutamente contraria alla gestazione per altri, lo sono per etero e omosessuali. Perché vengo da una regione dove già immagino Scampia dove le donne smettono di spacciare l’hashish e cominciano a spacciare l’utero. Quindi sono terrorizzata dalle storture di questo paese, sono terrorizzata e mi attengo alla Costituzione” – queste le dichiarazioni della politica beneventana, intervenuta nel corso della puntata trasmessa su La 7.

Parole che hanno indignato la cittadinanza e che hanno suscitato l’immediata replica da parte dell’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, Luca Trapanese, che ha invitato Nunzia De Girolamo a porgere le sue scuse alle donne di Scampia.

“Faccio questo video perché ho appena terminato una conversazione con l’assessore Trapanese in merito alle mie dichiarazioni a Piazza Pulita la settimana scorsa. Io mi sono detta contraria all’utero in affitto e l’ho detto in maniera sbagliata. Chiedo scusa alle donne di Scampia per una frase decontestualizzata ed errata che ho pronunciato” – ha esordito la De Girolamo.

“Io mi riferivo alle donne della criminalità organizzata, alla paura che ho rispetto all’utero in affitto per l’abuso che si può fare, del bisogno economico che una donna può avere in aree di disagio. Conosco molto bene la forza delle donne di Scampia. So le lotte che vengono portate avanti quotidianamente da queste donne, insieme alle associazioni e alle istituzioni. Mi dispiace veramente se sono stata fraintesa o se mi sono espressa male”.

“Verrò a Scampia con Luca prestissimo perché voglio parlare con voi. Voglio chiedervi scusa guardandovi in faccia, come è nel mio stile. Voglio ricordarvi che io sono campana, nata in periferia. Conosco benissimo anche il racconto distorto di Napoli, Scampia, delle nostre terre che è stato fatto spesso dalla stampa, dai libri, dalle fiction televisive. Quindi sarò felicissima di prestare il mio volto, la mia voce, le mie battaglie per raccontare una Scampia e una Napoli diversa” – ha continuato.

“Contestualmente dico anche che non accetto lezioni sui diritti da nessuno. Non mi farò strumentalizzare da qualcuno in un momento delicato di campagna elettorale. Io ho votato a favore dei diritti civili in dissenso dal mio ex partito politico perché ci credo fortemente così come credo che un bambino abbia il diritto di nascere e crescere in famiglie dove esiste solo l’amore. Perciò mi sono dichiarata più volte favorevole all’adozione da parte di un singolo o di coppie omosessuali. Ma non è il tempo delle polemiche, è il tempo dei chiarimenti. Caro Luca ci vediamo a Scampia” – ha concluso.


 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Nunzia De Girolamo (@nunzia.degirolamo)

Potrebbe anche interessarti