Anna Paratore, mamma della Meloni: “Tolga subito la vergogna del reddito di cittadinanza ai 18enni”

mamma meloni reddito
Giorgia Meloni

Si moltiplicano le interviste a amici e parenti di Giorgia Meloni. La leader di Fratelli d’Italia ha conquistato gli italiani ottenendo il 26% delle preferenze. Il giorno dopo le elezioni, dopo aver parlato con l’ex premier Draghi, ha fatto un giro in auto con sua figlia. Gesti semplici che vogliono mostrare un altro lato della Meloni, quello di donna e di mamma.

Parla la mamma della Meloni: “Mia figlia togli quella vergogna del reddito di cittadinanza ai 18enni”

A parlare di lei è stata anche Anna Paratore, sua mamma, intervistata da ‘la Repubblica‘ fuori alla sua abitazione nel quartiere popolare della Garbatella a Roma. Immediato un commento sui giornali esteri che hanno attaccato sua figlia e un appello a togliere subito il reddito di cittadinanza:

I titoli del giornali stranieri sul pericolo neofascista? Facciano i titoli che vogliono, sono tutte baggianate che lasciano il tempo che trovano. Adesso bisogna lavorare per il bene dell’Italia. Io non ho spronato nessuno. Ha fatto tutto da sola. Spero che elimini la vergogna del reddito di cittadinanza ai 18enni, che prendono i soldi per stare a casa a giocare ai videogiochi e dia quei soldi ai malati, agli anziani che non arrivano alla fine del mese, a chi ne ha davvero bisogno. Non a chi non ha voglia di lavorare“.

L’idea della Meloni sul reddito di cittadinanza

La Meloni più volte aveva detto la sua sul reddito di cittadinanza spiegando come l’idea del suo partito fosse quella di rimodularlo in favore delle persone che realmente ne avevano bisogno.

Sappiamo bene cosa sia la povertà e per questo vogliamo combatterla e diciamo che il reddito di cittadinanza è una misura sbagliata perché mette sullo stesso piano chi può lavorare e chi non può farlo, chi ha bisogno di assistenza e chi ha bisogno di un posto di lavoro. I 9 miliardi di euro destinati al reddito possano essere spesi molto meglio“.


Potrebbe anche interessarti