Crollo al cimitero di Poggioreale, il Comune ordina la chiusura: i giorni

Cimitero Poggioreale chiusura

Crollo Cimitero Poggioreale, chiusura. Continua la chiusura del Cimitero Monumentale di Poggioreale, a seguito del crollo di una parte dell’edificio funerario collettivo dell’Arciconfraternita dei “Bianchi della SS. Resurrezione di N.S. Gesù Cristo” per i giorni 19, 20 e 21
ottobre 2022.

Crollo Cimitero Poggioreale, chiusura: l’ordinanza

In data 17/10/2022, alle ore 14:00 circa, si è verificato un crollo nel Cimitero Monumentale, che ha interessato l’edificio funerario denominato “Bianchi della SS. Resurrezione di N.S. Gesù Cristo” dell’omonima Arciconfraternita. Tale evento ha richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco, i quali, tempestivamente intervenuti sui luoghi, hanno esaminato la gravità del sinistro utilizzando varie visuali di osservazione.

Gli stessi hanno segnalato “la necessità che attesta urgenti lavori ripristino condizioni di sicurezza previa idonea verifica assenza
problematiche connesse alla consistenza statica del suolo, a scopo precauzionale è necessario interdire all’utenza ed a tutto il personale dei servizi connessi al funzionamento delle Arciconfraternite, l’intera area del cimitero monumentale di Poggioreale Napoli”.

Il Comune di Napoli ritiene mantenere l’interdizione dell’accesso all’utenza e sospendere le operazioni cimiteriali fino al giorno 21 ottobre (incluso). Questo per consentire le verifiche necessarie nelle migliori condizioni, fatto salvo lo svolgimento delle attività demandate ai soggetti ed operatori indicati nel prosieguo della presente ordinanza, che non interferiscono con i sopralluoghi programmati.

Le salme, i resti mortali e le ceneri, aventi come destinazione il Cimitero Monumentale saranno gestite per il tramite della sala mortuaria, ubicata nel Cimitero Nuovissimo.

La rabbia dei parenti: “I nostri cari sono morti due volte

Purtroppo qui ho mia moglie, i miei genitori e i parenti di mia moglie. Io chiedo solo di poter, in tempi non così lunghi, di poter tornare a ritrovare i nostri cari” – racconta un uomo. Infine, l’urlo di dolore di una donna: “I nostri cari sono morti due volte. Per una mamma che ha perso un figlio non è giusto vedere una situazione del genere. Solo una mamma può capire il dolore della perdita di un figlio. Le istituzioni, De Luca, Manfredi ma dove sono?


Potrebbe anche interessarti