Napoli all’avanguardia, spettatrice autistica accompagnata dal suo cane a teatro: è la prima volta

Teatro Diana
Teatro Diana – Foto di Cascina Blu Onlus

Spettatrice autistica a teatro col suo cane. L’altro ieri al Teatro Diana di Napoli, storico luogo di cultura nel cuore del Vomero per la prima volta dall’apertura, avvenuta ben 89 anni fa nel 1933, in occasione dell’esibizione di Vincenzo Salemme è stato ammesso allo spettacolo anche un cane.

Spettatrice autistica a teatro col suo cane: è la prima volta

Il cane in questione è una femmina di Staffordshire Bull terrier dal nome Penny, selezionata e preparata appositamente e certificata come Cane Lavoratore al Servizio della Persona, in particolare per sostenere le esigenze determinate dall’autismo. Lei è parte del nostro Team Cascina Blu Cascina Blu Onlus, BAU-tismo BAU-tismo di Cascina Blu, e della nostra famiglia. La conduttrice era la Dottoressa Luisa Di Biagio, Psicologa, Membro Accreditato della BPS, esperta di Autismo e molto altro.

La Dottoressa Di Biagio, che è Autistica e Attivista per i diritti delle persone Autistiche, in una settimana particolarmente intensa, con l’uscita di nuove pubblicazioni importanti e cinque lavori presentati in tre Convegni Internazionali, era a Napoli in qualità di Relatore presso il convegno sulla salute e benessere delle persone Transgender e Gender Diverse, organizzato da Sinapsi Centro di Ateneo SInAPSi.

Dopo un impegno di tale portata la Dottoressa, cogliendo l’occasione di poter assistere dal vivo allo spettacolo di un attore da lei molto amato, chiede rispettosamente di poter vedere riconosciuto il suo diritto di persona con Esigenze Speciali, e che le sia permesso l’accesso. Senza il ruolo attivo del suo cane da assistenza infatti, non le sarebbe stato possibile.

Il grande cuore di Napoli

Il Direttore ha scelto di compiere questo enorme gesto di apertura, ha compreso che negandolo, avrebbe impedito il diritto della persona. Rispettando la normativa, Penny ha affiancato la sua assistita durante tutto lo spettacolo. Grazie alla sensibilità del Direttore e di Vincenzo Salemme, a Napoli si è scritto un pezzo di storia.

“I cani da Servizio e Assistenza sono appositamente preparati per queste situazioni, che sono intense e particolari. Devono poter essere in grado di gestirle in tranquillità e sicurezza, garantendo la tutela di tutti. Questa è inclusione vera, questa è cultura, questo è il grande cuore di Napoli. Cascina blu ringrazia Vincenzo Salemme e il Teatro Diana Napoli“, hanno scritto sulla loro pagina Facebook.


Potrebbe anche interessarti