Guida Michelin, tutti i ristoranti stellati in Campania. Cannavacciuolo conquista 3 stelle

guida michelin 2023
Guida Michelin 2023, la premiazione di Cannavacciuolo

E’ stata presentata la Guida Michelin 2023 che conferma, ancora una volta, la Campania tra le Regioni più “stellate” d’Italia. Il celebre chef di Vico Equense, Antonino Cannavacciuolo, con Villa Crespi si è guadagnato la terza stella.

Guida Michelin 2023, i ristoranti stellati della Campania e il trionfo di Cannavacciuolo

Sono 33 i nuovi ristoranti stellati e 19 le stelle verdi, premiate per l’attenzione alla sostenibilità. Tra le new entry campane: Sensi di Amalfi e Maeba Restaurant di Ariano Irpino che hanno conquistato una stella Michelin. Il Mirto di Ischia è stato premiato con la stella verde.

Cannavacciuolo entra a far parte dell’elenco dei tristellati esprimendo la sua gioia nel corso della cerimonia: “E’ un momento magico. Oggi è anche l’anniversario del matrimonio e mia moglie mi ha perdonato per questo festeggiamento a distanza. Il nostro è un progetto partito 20 anni fa. Ci saranno altre aperture e questa nuova emozione è la benzina per andare avanti”.

I ristoranti stellati della Campania

Due stelle Michelin:
Anacapri – L’Olivo;
Brusciano – Taverna Estia;
Ischia – daní maison;
Montemerano – Caino;
Nerano – Quattro Passi;
Paestum – Tre Olivi;
Telese – Krèsios;
Vico Equense – Torre del Saracino.

Una stella Michelin:
Amalfi – Glicine;
Amalfi – La Caravella dal 1959;
Amalfi – Sensi N;
Ariano Irpino – Maeba Restaurant N;
Bacoli – Caracol;
Capri – Le Monzù;
Capri – Mammà;
Castellammare di Stabia – Piazzetta Milù;
Conca dei Marini – Il Refettorio;
Eboli – Il Papavero;
Lacco Ameno – Indaco;
Maiori – Il Faro di Capo d’Orso – Andrea Aprea;
Massa Lubrense – Relais Blu;
Napoli – ARIA;
Napoli – George Restaurant;
Napoli – Il Comandante;
Napoli – Palazzo Petrucci;
Napoli – Veritas;
Nerano – Taverna del Capitano;
Nola – Re Santi e Leoni;
Nola – Rear Restaurant;
Paestum – Le Trabe;
Paestum – Osteria Arbustico;
Pompei – President;
Positano – La Serra;
Positano – Li Galli;
Positano – Zass;
Quarto – Sud;
Ravello – Il Flauto di Pan;
Ravello – Rossellinis;
Salerno – Re Maurì;
Sant’Agnello – Don Geppi;
Somma Vesuviana – Contaminazioni Restaurant;
Sorrento – Il Buco;
Sorrento – Lorelei;
Sorrento – Terrazza Bosquet;
Telese – La Locanda del Borgo;
Torre del Greco – Josè Restaurant – Tenuta Villa Guerra;
Vallesaccarda – Oasis – Sapori Antichi;
Vico Equense – Antica Osteria Nonna Rosa;
Vico Equense – Cannavacciuolo Countryside.


Potrebbe anche interessarti