Arriva la stangata di Natale, aumenti del 12% su pasta, dolci e pesce: Napoli capitale dei rincari

Spesa a Natale

Spesa di Natale a Napoli. Il Natale quest’anno sarà più caro. Napoli capitale dei rincari, qui i prezzi saliranno molto di più rispetto alle altre città d’Italia.

Spesa di Natale a Napoli: +12%

Dai dati Istat relativi al mese di settembre, emerge un tasso di incremento annuo degli alimentari del 12,3 per cento a Napoli, contro l’11,6% della media nazionale. Ad aumentare i prezzi sono soprattutto i generi alimentari e di prima necessità.

Ma le previsioni degli esperti vedono un’impennata dei costi soprattutto nel periodo natalizio, inducendo le famiglie a limitare i consumi. “Rispetto alla fine dell’estate, gli aumenti – segnala Massimo Di Porzio, leader della Fipe, a ilmattino.itsi attestano mediamente intorno al 5 per cento. In generale, la spesa media è diminuita in quantità ma il costo per i consumatori è più alto a causa dei rincari. Tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre si verificheranno i soliti rincari. I farinacei e l’ortofrutta sono quelli che hanno avuto incrementi più elevati negli ultimi mesi. Il pane si è stabilizzato, intanto, e non credo ci siano grandi oscillazioni dei prezzi. La pasta di Gragnano sta arrivando a 4 euro il kg. I frutti di mare sono, per ora, abbastanza stabili, ma a Natale ci sarà il consueto aumento dovuto alla maggiore domanda. Attualmente, un kg di vongole veraci costa tra i 30 e i 40 euro, a seconda che siano vendute all’ingrosso o al dettaglio. Pochi giorni fa, ho pagato per la prima volta un caffè al bar 1,40 euro”.

L’olio di arachidi – continua Di Porzio – è arrivato a 3,50 euro il kg. Il burro è schizzato addirittura a 10 euro il kg. È per questo motivo che i dolci costano tantissimo”. “Un panettone artigianale – sottolinea Paolo Vaccaro, dell’“Abbondanza del pane”- arriverà a 25-30 euro. Per altri dolci natalizi, si verificherà un’impennata dei prezzi. Mi riferisco, ad esempio, alla pastiera che schizzerà a 20 euro o agli struffoli a 12. Sul costo dei dolci bisogna considerare l’incremento del prezzo di prodotti come lo zucchero, il miele, le mandorle. Il pane tradizionale, nel frattempo, si è stabilizzato a 2,50 euro il kg”.


Potrebbe anche interessarti