Perle del Cilento devastate dal maltempo: inviati sacchi di sabbia, brandine e coperte

allerta meteo castellabate agropoli
Allerta meteo a Castellabate e Agropoli – Foto: Protezione Civile Sassano, Fb

A seguito dell’avviso di allerta meteo diramato, la Protezione Civile della Regione Campania, questo pomeriggio, ha consegnato 5 mila sacchi di sabbia ai Comuni di Agropoli e Santa Maria di Castellabate, messi in ginocchio dai temporali di questi ultimi giorni. Il peggioramento climatico, previsto a partire dalla mezzanotte, potrebbe, infatti, devastare ulteriormente i territori maggiormente colpiti dal maltempo.

Allerta meteo, interventi nei Comuni di Agropoli e Castellabate: devastati dai temporali

Hanno fatto il giro del web le drammatiche immagini dei due Comuni del Cilento, vere e proprie perle del territorio regionale, messi in ginocchio dal maltempo, con strade invase da acqua e fango, alcune quasi completamente impraticabili.

La nuova allerta diramata dalla Protezione Civile potrebbe determinare ulteriori peggioramenti climatici, per questo motivo i due Comuni sono stati riforniti di 5 mila sacchi di sabbia. A Santa Maria di Castellabate sono stati consegnate anche 50 brandine con lenzuola e coperte nel caso in cui il Comune decidesse di procedere all’evacuazione di alcune abitazioni esposte al rischio idraulico in quanto ubicate in prossimità dei corsi d’acqua esondati.

Negli ultimi due giorni sono stati circa 300 i volontari regionali impegnati con mezzi speciali sui territori, per riportare la situazione alla normalità. Gli interventi sono stati resi possibili anche grazie al supporto delle squadre di Sma Campania.

In mattinata sopralluoghi tecnici sono stati effettuati dal Genio Civile regionale competente per la provincia di Salerno. La Protezione Civile regionale, attraverso la Sala Operativa, è attiva h24 e segue l’evolversi della situazione. Si ricorda ai Sindaci di attivare i Centri Operativi Comunali, come previsto dalla vigente normativa e di prestare attenzione agli eventuali ulteriori avvisi.


Potrebbe anche interessarti