Blackout, la serie tv con il napoletano Alessandro Preziosi: trama e anticipazioni

Blackout
Blackout

Blackout, serie tv. Parte stasera la fiction della Rai con protagonista l’attore napoletano Alessandro Preziosi. Andrà in onda per quattro prime serate da oggi lunedì 23 gennaio su Rai 1.

Blackout, serie tv: parte stasera la fiction della Rai

Una vigilia di Natale che diventa più inquietante nel mistery-drama ambientato in alta quota. Protagonisti sono i clienti di un lussuoso albergo nel piccolo ed esclusivo polo sciistico nella Valle del Vanoi, in Trentino. Qui trascorrono le feste di Natale in compagnia dei propri cari.

Ma c’è un terremoto e il distacco di un’imponente slavina isola la Valle e impedisce i soccorsi possibili dall’unico passo che la collega con il resto del mondo. Restano intrappolati personaggi con segreti da nascondere, identità celate e ambigui professionisti pronti a tutto. Una fiction diretta da Riccardo Donna che vede protagonista Alessandro Preziosi affiancato dall’attrice tedesca Rike Schmid, Marco Rossetti, Aurora Ruffino, Caterina Shulha, Maria Roveran e l’attore francese Mickaël Lumière.

Tra loro ci sono Claudia, medico, testimone sotto protezione, che vive in una baita appartata con la figlia Anita; Marco, ex marito di Claudia che è giunto con la sua nuova fidanzata, Irene, nella speranza di poter portare via con sé Anita; e Giovanni, ricco imprenditore in vacanza con i figli Riccardo ed Elena, entrambi ancora provati dalla recente scomparsa della madre.

Durante la valanga Riccardo, il figlio maggiore di Giovanni, rimasto intrappolato con Anita in un crepaccio, riesce a tornare in albergo e a segnalare la posizione della ragazza. Una volta salva, Anita ritrova Lorenzo, il figlio dei proprietari dell’hotel con cui, da un po’ di mesi, si frequenta all’insaputa della madre. Quando un elicottero sorvola la valle, tutti si convincono che i soccorsi siano in arrivo e Giovanni, nonostante sia grato a Claudia per aver assicurato la sopravvivenza a sua figlia, è costretto a riprendere il piano omicida.


Potrebbe anche interessarti