Leggende napoletane raccontate in Napoletano: ‘o spireto ‘e Palazzo Spinelli

Palazzo Spinelli di Laurino, fantasma di Bianca

Proteggiamo la nostra storia, la nostra cultura, la nostra tradizione, le nostre storie, la nostra lingua. La città di Napoli è ricca di racconti e leggende, tramandati per via orale in lingua originale, ma scritte quasi esclusivamente in italiano, fattore che fa loro perdere fascino, significati e carica emotiva, e allora ecco che qui potete leggere le leggende napoletane raccontate in Napoletano,un’operazione che sembra facile ma non lo è affatto, perché anni di studi e utilizzo dell’Italiano non può che compromettere la purezza del Napoletano, il quale farà uso di tanti prestiti, una difficoltà cui spero di ovviare strada facendo: nel frattempo, lettori, siate clementi, e sappiate che ogni consiglio e riflessione se costruttivi sono ben accetti. Ricordo inoltre che il Napoletano non è un dialetto, bensì una lingua, in quanto tale riconosciuta e protetta dall’UNESCO.

‘O cunto ‘e Palazzo Spinelli

Palazzo Spinelli ‘e Laurino se trova ‘o nummero 362 (triciento sissanta e doje) de Tribbunale, fravecato dint’ ‘o siéculo Cincuciento, e è uno d’ ‘e palazze cchiù belle d’ ‘o centro storico. Se dice ca ccà ce stette ‘e casa na criatura ‘e nobbele ma povera famiglia ca se chiammava Bianca, la quale (1) rummanette senza ‘a mamma e ‘o pate ca era ancora piccerella, e pe cumpassione ‘o Duca s’ ‘a trasette dint’ ‘a casa. ‘A mugliera però, donna Lorenza, era gelosa pecché essa nun ngarrava a rummané prena, e teneva paura ca ‘o marito se puteva affezziunà troppo a chesta figliola ca era bella assaje, accussì l’accidette facennola murà viva. Però ‘a guagliuncella, pe tramente donna Lorenza teneva mente a comme nu servitore aizava ‘o muro, dicette: Famme pure mura’ viva, ma in allegrezza o in grannezza tu me vidarraje.

‘A tanno, ogne vòta ca aveva succerere quaccosa ‘e bello o na disgrazia a donna Lorenza e ‘o Duca, tre gghiuorne primma ‘o fantasma d’ ‘a criatura se faceva vedé adderreto ‘o parapietto dint’ ‘o palazzo, accussì ‘a famiglia Spinelli e ‘a ggente s’arricurdavane ‘a terribbele morte c’aveva fatto na nnucente.

Per leggere la versione in Italiano, cliccare qui.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più