La curiosa assurdità. E’ il ‘porco con i baffi’ a sporgere denuncia

Negoziante di Pianura

Sono trascorse poche ore da quando in TV, su Italia uno è andato in onda il servizio condotto da Le Iene, che smascherava ‘il porco con i baffi’, il negoziante di scarpe troppo affettuoso che si divertiva a spiare da un buco le sue aspiranti commesse in bagno, solo poche ore e si è scatenata la vendetta.

Come riportato da ilroma.net, dopo il servizio televisivo di mercoledì sera, alcuni telespettatori campani, hanno individuato il negozio in questione, nel suo negozio situato a Pianura. Molta la paura, lo shock, ma più di tutta l’indignazione che in particolar modo ha animato due uomini inducendoli ad aggredire. Nel pomeriggio di ieri proprio un commerciante di scarpe di Pianura, si è diretto dai carabinieri per denunciare un’aggressione ai suoi danni, dichiarandosi vittima dell’ira di due uomini con volto parzialmente coperto, che lo hanno preso di mira con schiaffi, calci e pugni.

Molti si domanderanno se l’uomo ‘punito’ da una giustizia che potremmo definire ‘popolare’, era davvero il protagonista dell’inchiesta , si domanderanno se non è stato un agguato indirizzato alla persona sbagliata, ma alcune dichiarazioni del commerciante fanno riflettere. L’uomo nel discolparsi prima dichiara che tutto l’accaduto sembrava essere una punizione per quando visto in TV e continua dicendo di non essere a conoscenza dell’inchiesta svolta da Le Iene, e poi aggiunge che la stessa inchiesta condotta dalla trasmissione di Italia uno è completamente sbagliata. Due dichiarazioni contrapposte che si annullano a vicenda, come può quest’uomo dire di non conoscere il servizio condotto da Le Iene e poi definirlo sbagliato e sostanzialmente non veritiero?

La giustizia farà il suo corso e farà luce sui fatti accaduti ma una cosa è certa, il popolo di Pianura non è rimasto a guardare.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più