Luca Abete torna nel napoletano per fermare le alluvioni!

Luca Abete Cardito

Luca Abete torna nel Napoletano per denunciare l’incredibile condizione di Cardito, cittadina di 22.000 abitanti dell’ hinterland partenopeo, da 20 anni soggetta ad allagamenti e alluvioni. Veri e propri fiumi d’acqua a invadere le strade, pozze alte fino a quasi due metri, tombini scoppiati e invasioni di topi in tutta la città. Ogni temporale per Cardito è potenzialmente un disastro.

Bastano pochi minuti per rendere la piazza della città una piscina a cielo aperto, e questo i cittadini lo sanno, stanchi del menefreghismo e dell’indifferenza delle istituzioni. È davvero possibile continuare a vivere in una simile condizione? È giusto che ad ogni temporale gli abitanti di Cardito debbano temere per la propria incolumità fisica? Eh si, perché oltre al pericolo di rimanere intrappolati nelle proprie autovetture (un pericolo non da poco), gli abitanti del centro storico vanno incontro ad altri rischi, di origine igienico-sanitaria.

Le abbondanti piogge, infatti,  fanno sistematicamente saltare i tombini, provocando il riversamento in strada di acqua sporca e maleodorante proveniente direttamente dalle fogne cittadine. Quanto ancora dovranno aspettare i carditesi per non rischiare più, ad ogni temporale, di rimetterci le penne?

Potrebbe anche interessarti

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy