Città da evitare? Sito statunitense inserisce tra le città da non visitare Napoli e Pompei

weekend, Napoli

Sembrava strano che in prossimità delle festività natalizie ancora non fosse partito il solito gioco al massacro nei confronti della nostra città. Questa volta a screditare il capoluogo campano ci ha pensato Reddit, famoso portale statunitense nato nel 2005 che, in base all’opinione degli iscritti, ha annoverato Napoli e Pompei tra le città da evitare, sconsigliando sonoramente ai turisti di farvi visita perché sporche, maltenute e -ovviamente- pericolose!

Così nell’assurda classifica dei “16 posti dove bisognerebbe assolutamente non andare” compaiono inaspettatamente tre località italiane. Al quinto posto, Pisa, ritenuta sopravvalutata e poco interessante (il fatto che ci sia una torre architettonicamente unica al mondo, sembra essere un dettaglio trascurabile) Al nono posto la nostra straordinaria Pompei descritta come troppo affollata e mal tenuta subordinata per tale motivo ad Ercolano.

Ovviamente, come la storia ci insegna, in una simile classifica non poteva mancare la città di Napoli, massacrata dai luoghi comuni e dai pregiudizi che serpeggiano spesso tra i turisti.

Tra i motivi che renderebbero Napoli un posto dove bisogna assolutamente non andare: la spazzatura. Troppa immondizia per le strade, dicono gli americani e, a chiudere il solito quadretto, la presenza di troppa criminalità. Tra le motivazioni addotte si legge “A Napoli e nelle campagne circostanti la mafia controlla la gestione dei rifiuti da decenni”.

Insomma poco conta che la criminalità è presente un po’ ovunque, soprattutto in Italia, poco contano gli incredibili passi in avanti fatti nella gestione dei rifiuti e, soprattutto, sembra non contare poi molto neppure il fatto che Napoli vanti monumenti e bellezze paesaggistiche tra le più belle del mondo, perché quando la società sceglie di stigmatizzarti, nessun progresso e nessuna meraviglia basterà a salvarti!

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più