Video. Il dottor Marfella attacca Gigi D’Alessio: “Restituisci i soldi del Nord…”

 

Antonio Marfella

Purtroppo la Terra dei Fuochi fa sempre parlare di sé: ogni giorno nuove vicende si uniscono a quelle già vecchie e risapute, spegnendo in qualche modo quel barlume di speranza che è ancora viva negli animi partenopei, nonostante la gravità della situazione. Stavolta però non si tratta di segnalazioni di nuovi roghi tossici ma di dichiarazioni alquanto opinabili e discutibili rilasciate dal cantante Gigi D’Alessio, dopo il concerto di fine anno a Piazza del Plebiscito.

Il dottor Antonio Marfella, tossicologo-oncologo presso l’ “Istituto Nazionale per la Cura dei Tumori”, in un’intervista rilasciata a il Nanotv.it, senza mezzi termini, nel limite del rispetto altrui, si è scagliato contro il cantante, commentato le sue dichiarazioni, servendosi anche della lingua napoletana, che spesso e volentieri rende meglio i concetti.

Esordisce dicendo “Gigi Gigi ma ch’e cumbinat!” alludendo al fatto che ha parlato di cose delicate, riportando dati inesatti, in un giorno di festa, in un’occasione non adatta e consona. Tutto ciò può far pensare ad una campagna politica fatta da parte dell’artista in cambio di un compenso economico, cose che purtroppo accadono all’ordine del giorno.

Prosegue invitando il cantante a non ricercare la verità attraverso un pc, attraverso il web, ma affidandosi piuttosto a dati medici e scientifici. Lo definisce “una seccia” e continua con questa cruda affermazione: “Restituisci i soldi del Nord e resta con noi nella Terra dei Fuochi” che sintetizza a pieno il suo pensiero: non c’è bisogno dei soldi del Nord, di fare pubblicità alla nostra terra e per difendere i prodotti agro-alimentari campani impiegando gli stessi soldi che verrebbero “buttati” in pubblicità per fare qualcosa di concreto, ad esempio eliminare l’amianto.

In conclusione, tutti concorderanno col dottor Antonio Marfella che non si può speculare su un problema così importante con una certa leggerezza.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=8uqf3sIdDc4#t=180[/youtube]

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più