Tutto il “giallo” del semaforo: pronte multe salate per i trasgressori

semaforo giallo

Quante volte per strada da pedoni o automobilisti, alla vista della luce del semaforo gialla, abbiamo corso per non perdere tempo nel momento in cui sarebbe scattato il rosso? Bene adesso è arrivato il momento di fare ancora più attenzione se non si vuole rischiare una bella multa.

La Corte di Cassazione è sicura e ribadisce con chiarezza quanto affermato lo scorso Settembre con la sentenza n.27348 del 2014, ovvero che la durata di 3 secondi della luce arancione del semaforo, è sufficiente e non necessita di essere prolungata oltre. Naturalmente la decisione, deriva da un’analisi tecnica, riferita al tempo utile per fermarsi circolando in automobile a 50 chilometri orari.

Il codice della strada non prevede un tempo minimo di durata della luce gialla, semplicemente spiega che con quella luce le macchine sono tenute a non oltrepassare punti d’arresto, salvo situazioni in cui si trovino estremamente vicini da non rendere più possibile una frenata in sicurezza. A questo proposito quindi, va ricordato che in Italia i semafori hanno la durata della luce gialla che varia dai 3 ai 4 secondi una sottigliezza che può sembrare banale ma che in realtà non lo è affatto.

L’attenzione particolare va posta in merito al fatto che una piccola disattenzione può scatenare multe salate. Lo sanno bene i cittadini di Chicago, che si sono ritrovati a pagare multe sonore, quando il sindaco ha fatto accorciare i tempi del semaforo giallo da 3 secondi a 2.9. E’ proprio il caso di dirlo, una frazione di secondo per sborsare cifre che starebbero molto meglio nelle nostre tasche, va ricordato infatti che i soldi delle multe sarebbero destinati per la sicurezza stradale ma in Italia ancora nessun decreto ha attuato l’iniziativa e così il ricavato delle sanzioni stradali va direttamente nelle tasche di comuni e province per un utilizzo ancora oscuro a tutti.

Un bel modo, quello suggerito dall’idea di Rahm Emanuel, sindaco di Chicago, un modo semplice ed ovviamente a discapito dei cittadini, per arricchire le casse e impoverire le tasche.

Attenti al giallo quindi, perchè in un battere di ciglia volano via 162 euro e sei punti in meno sulla patente.

Potrebbe anche interessarti