Muore il pm Federico Bisceglia, l’uomo che indagava sul caso della piccola Fortuna

Tragico incidente in autostrada A3, avvenuto stanotte nei pressi di Castrovillari. È morto sul colpo Federico Bisceglia, 45 anni, Pubblico Ministero della Procura di Napoli Nord. Attualmente il corpo senza vita si trova nell’obitorio di Castrovillari.

Nell’incidente stradale è rimasta ferita anche una seconda persona, probabilmente passeggero nell’auto con Bisceglia. I due erano a bordo di una Lancia K che, per cause ancora in corso di accertamento, è finita fuori strada. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia Stradale, i Vigili del Fuoco e il personale del servizio 118, pronto intervento e primo soccorso. Bisceglia era esperto in reati ambientali in Campania su cui indagava da tempo ed era titolare delle indagini sul caso della piccola Fortuna Loffredo, precipitata da un palazzo al Parco Verde di Caivano, comune napoletano, il 6 giugno del 2014.

Dall’inchiesta infatti emersero vari supposizioni sulla probabile rete di pedofili collegati alla bambina e forse ad altre vittime; sul caso ancora oggi aleggia un alone di mistero con una conseguente ipotesi inquietante, visto che sarebbero coinvolti nell’indagine anche una serie di pedofili della zona. Bisceglie aveva aperto per il caso della piccola Fortuna, divenuto in pochi mesi uno dei più seguiti anche a livello mediatico e nazionale, un fascicolo per omicidio e violenza sessuale; dall’autopsia effettuata sul corpo della bambina infatti, emerse che era stata vittima di abusi cronici.

Non è ancora chiaro se il corpo del magistrato verrà sottoposto a esami medico-legali, ma sicuramente si tenterà di ricostruire la dinamica dell’incidete mortale: cosa è accaduto? Cosa ha provocato l’incidente? L’automobile era in buone condizioni? Il PM viaggiava a una velocità troppo sostenuta e quindi pericolosa? Il PM era effettivamente in grado di guidare? A chi verrà adesso delegato il caso della piccola Fortuna? Tutti interrogativi ai quali si cercherà di dare risposta durante le indagini.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più