De Luca e la vittoria mutilata. Arriva la conferma: sarà sospeso!

De Luca e Renzi

Non è stato un trionfo considerando i pochi voti con i quali Vincenzo De Luca ha strappato lo scettro all’ex governatore della Campania, Stefano Caldoro. Ma non si può definire, per certi versi, neanche una vittoria. Quella dell’ex sindaco di Salerno è soprattutto una “vittoria mutilata“.

Il neo comandante di questa barca in mezzo al mare chiamata Campania ha una “spada di Damocle” conficcata dietro alla schiena: la Legge Severino. All’indomani dello spoglio, il buon De Luca ha evitato qualsiasi accenno sulla faccenda rincarando la dose con una denuncia per diffamazione ai danni di Rosy Bindi, rea di averlo inserito nell’ormai famosissima black list degli impresentabili.

In molti si chiedono cosa succederà adesso, considerato anche il silenzio del Premier Matteo Renzi. Un silenzio imbarazzante per il “giovane” politico rottamatore che dopo la vittoria di De Luca si è cucito la bocca. Ricordiamo, però, le ultime dichiarazioni del Presidente del Consiglio, il quale sosteneva l’eleggibilità del suo candidato (De Luca) citando, tra gli altri, il caso De Magistris che vinse il ricorso e riammesso a Palazzo San Giacomo pochi giorni dopo la sospensione.

Attuale silenzio del Premier in queste ore rotto da Cantone e da Alfano. Il presidente dell’Anticorruzione in una intervista rilasciata a Repubblica spiega come, secondo il suo modesto parere, si debba procedere: De Luca dovrà formare la Giunta e prendere pieni poteri, solo successivamente sarà applicata la “legge Severino” che lo sospenderà per 18 mesi dal suo incarico. Secondo Cantone, infatti, la legge impone una sospensione e non una “decadenza” che si andrebbe a verificare qualora a De Luca non gli fosse concessa la possibilità di prendere il timone della Regione.

A far da eco alle parole di Cantone ci pensa anche il Ministro degli Interni e leader dell’Ncd, Angelino Alfano, il quale senza troppi giri di parole avverte De Luca sentenziando l’applicabilità inevitabile della legge. Dunque, se la norma sarà rispettata, il fresco Governatore della Campania sarà sospeso per un anno e mezzo. Prepariamoci!

Potrebbe anche interessarti