Anziano dimesso dall’ospedale, ma è senzatetto: i carabinieri gli pagano l’hotel

clochard

Ciò che è accaduto, nella cittadina di Gambolò in provincia di Pavia, non è una storia molto diversa da quelle di tanti anziani. Il 4 agosto un ottantunenne originario di Caserta ma da tempo residente nel pavese, dopo essere stato ricoverato per un certo periodo in ospedale è stato dimesso, ma purtroppo non aveva dove andare poiché senzatetto. Allora l’uomo ha deciso, essendo le 23, di fermarsi a dormire su una panchina nel centro del paese di Gambolò. I carabinieri della pattuglia passando per corso Umberto I hanno visto l’uomo e hanno subito avvisato la centrale, e ad intervenire è stato il comandante della stazione dei carabinieri, il maresciallo Andrea Montanari.

Una volta arrivato sul posto, l’uomo ha ascoltato la storia dell’anziano che era pensionato, vedovo e da poco dimesso dall’ospedale, così ha deciso di dargli una mano e portarlo in hotel per la notte. “Era appena stato dimesso dall’ospedale di Mede – ha raccontato il sottufficiale – e non aveva un letto dove andare a dormire. Ho chiamato la residenza sanitaria per anziani di Gambolò, ma non avevano posto. Allora ho pensato all’albergo”. L’Hotel scelto è stato il Milano che è l’unico del paese e fortunatamente aveva posto.

I proprietari, la famiglia Lugani, hanno visto arrivare il maresciallo con l’anziano e subito gli hanno dato una stanza per la notte tra martedì e mercoledì. Il maresciallo Montanari non ha chiesto però agli albergatori un favore, bensì ha deciso di pagare personalmente  il conto dell’anziano: “Per il saldo ho provveduto come qualsiasi altro cittadino avrebbe fatto. Con senso civico. Non vedo cosa avrei potuto fare di diverso” ha detto il carabiniere. Ieri mattina poi i carabinieri sono andati a prelevare l’uomo e lo hanno portato ai servizi sociali del comune di Vigevano per permettergli di trovare una sistemazione dignitosa. A riportare la notizia è l’Ansa.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più