Morto Franco Mancusi, noto giornalista del Mattino ed esperto dei Campi Flegrei

Franco MancusiIeri pomeriggio si è spento il noto giornalista Franco Mancusi, celebre firma del quotidiano Il Mattino. Dopo aver conseguito la qualifica di giornalista professionista nel 1973 Mancusi è entrato nella direzione del prestigioso giornale partenopeo rivestendone il ruolo di vice redattore capo, ricoperto sino alla fine del mese di marzo 2006; da questo momento, tuttavia, la sua collaborazione con la testata si è mantenuta, comunque, proficua, tanto che l’ultimo articolo edito è datato al 21 aprile ed è dedicato al rischio Vesuvio.

Negli ultimi anni Mancusi, a causa della sua passione per il territorio flegreo e la sua approfondita conoscenza del tema sismico e del rischio geologico dei Campi Flegrei, è stato anche redattore dalla sede aperta dal Mattino a Pozzuoli e poi chiusa nel 1992.

Da esperto nel settore vulcanologico e bradisismico la sua opinione è sempre stata considerata estremamente rilevante per gli studiosi dell’argomento; ma la propensione di Mancusi a trattare questioni inerenti il panorama flegreo in toto era talmente nota che il giornalista ha scelto di vivere a Bacoli e di dedicare molti sforzi nella valorizzazione del patrimonio culturale locale, esaltandone le peculiarità artistiche.

A 71 anni il giornalista napoletano è deceduto nella clinica di via Cilea al Vomero, dove si recava abitualmente per sottoporsi a trattamenti medici a causa di una lunga malattia.

I funerali si svolgeranno oggi pomeriggio alle 16:00 nella chiesa di Sant’Anna di Bacoli e presenzierà il sindaco della cittadina flegrea Josi Gerardo Della Ragione che ieri ha rilasciato una dichiarazione commossa per l’avvenuto decesso, e si è stretto intorno al dolore della vedova Enrica, insieme all’Ordine dei Giornalisti della Campania Sindacato unitario dei giornalisti della Campania e i Consiglieri nazionali campani dell’Ordine e FSNI.

 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più