In più di mille per dare l’addio a Gaetano, la famiglia perdona il suo carnefice

 

Chiesa di Pugliano

Questa mattina si sono tenuti nella chiesa di Pugliano i funerali di Gaetano Lavini, il 18enne ucciso in una rissa scoppiata ad Ercolano.

In più di mille persone sono venute a dare l’ultimo addio a Gaetano, amici con indosso delle maglie con la foto di Gaetano, i parenti e la giovane compagna all’ottavo mese di gravidanza, erano tutti li, affranti dal dolore per la perdita di una cosi giovane vita. L’omelia del parroco don Pasquale è stato un invito a far cessare la violenza delle armi perchè “Chi impugna le armi non è un uomo d’onore, lo è chi ammette i propri sbagli e cerca di rimediarvi”. Gli applausi a queste parole sono scesi rumorosi ma si è anche levata una voce di rabbia che ha chiesto giustizia.

Il gesto più significativo è venuto proprio dalla famiglia Lavini che in una lettera al prelato ha scritto di aver perdonato il carnefice del proprio figlio.

 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più