Secondo l’archeologo Manfredi le autorità preposte al restauro degli scavi hanno fatto del loro meglio

valerio-massimo-manfredi

Sull’operato svolto dalle autorità preposte al restauro degli scavi di Pompei e alla loro salvaguardia in generale arriva un commento da parte di una voce esperta del settore.

Lì’archeologo Massimo Manfredi che si è occupato del restauro del criptoportico degli scavi di Pompei ha confermato lo stato critico in cui versa il sito archeologico ma a suo avviso i crolli sono più che normali a causa dell’anzianità secolare  del sito e sopratutto considerando l’incremento delle precipitazioni che sono aumentate di oltre tre volte rispetto al passato e che stanno colpendo con violenza la città eterna. A fronte di tutte queste valutazioni Manfredi è convinto che le autorità preposte non possano fare più di quanto non si stia già facendo, queste le sue parole ” “I restauri sono necessari e urgenti, e i crolli sono un fatto normale e fisiologico. Piove il triplo di quello che pioveva anni fa, i materiali sono poveri, e lo scavo è vecchio di 200 anni. Ha bisogno di continue stuccature per rendere impermeabili i muri. Là dove si è rimesso il tetto, le pitture e i pavimenti si sono conservati. Io sono convinto che le autorità preposte abbiano fatto del loro meglio. Le critiche ci sono sempre quando si fanno interventi di coperura di questo tipo”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più