Incendio in Campania, nube nera visibile per chilometri. Si attendono esami Arpac

Nelle primissime ore della mattinata di ieri, al confine fra i comuni di Santa Maria Capua Vetere, San Tammaro e Marcianise, è divampato un incendio, per cause ancora in corso di accertamento all’interno della centrale elettrica della “Terna”, ubicata sulla strada statale 7 bis, le fiamme successivamente hanno sprigionato una nube nera ben visibile a qualche chilometro di distanza.

Dal comunicato  diramato nel primo pomeriggio di domenica dall’ufficio stampa del Comune di Santa Maria si apprende che “A prendere fuoco è stato un trasformatore di potenza dell’energia elettrica per il cui funzionamento e raffreddamento è prevista la presenza di un olio refrigerante. Proprio la presenza dell’olio refrigerante, a causa della combustione, ha generato una nube nera che non ha interessato il territorio di Santa Maria Capua Vetere.

Sul posto si sono immediatamente portati il sindaco Antonio Mirra e il sindaco di Marcianise Antonello Velardi, insieme agli agenti della polizia municipale dei rispettivi comuni, della polizia stradale e dei carabinieri. L’intervento immediato dei vigili del fuoco ha permesso di spegnere in pochissimo tempo l’incendio del trasformatore.

“Nelle prossime ore e nei prossimi giorni saremo in contatto con l’Arpac – ha dichiarato il sindaco Antonio Mirra – per verificare eventuali conseguenze di quanto verificatosi, tenuto anche conto che a poche centinaia di metri dal luogo dell’incendio si trova la centralina Arpac dello Stir che potrà fornire eventuali indicazioni rilevanti”.

Potrebbe anche interessarti