Napoli, cassonetti della differenziata incendiati: è allarme al Vomero

cassonetti incendiati

Nelle ultime due settimane sono diversi i cassonetti della raccolta differenziata incendiati per le strade di Napoli, specialmente nei quartieri Vomero-Arenella.

L’ultimo questa mattina in Via Giotto. Dato alle fiamme è stato un contenitore di plastica e metalli dell’Asia. Molto denso il fumo nero che si è alzato fino a raggiungere i primi piani dei palazzi. Immediatamente sono scattate le chiamate dei residenti ai Vigili del Fuoco.

Da capire il motivo dell’incendio che certamente è di origine dolosa. A raccontarlo è un signore che ha assistito alla scena.

“Ero in macchina e ho visto due ragazzini con un adulto dare alle fiamme il contenitore. Poi si sono diretti verso altri contenitori. Io allora gli ho seguiti e bloccati. Ora ho chiamato la Polizia per denunciare l’accaduto perché anche domenica scorsa ho visto queste persone che incendiavano altri cassonetti della zona. Sono sempre gli stessi”.

Un fenomeno che nei mesi scorsi aveva avuto una escalation nella III Municipalità Stella-San Carlo Arena. A giugno erano andati in fumo oltre 50 cassonetti della raccolta differenziata, incendiati in appena sette giorni. Un danno per l’Asìa, che ora dovrà sostituire le campane e un danno anche per l’ambiente. Con i fumi tossici sprigionati dalle fiamme dei rifiuti di plastica finiti dritti nei polmoni dei cittadini napoletani.

EMERGENZA RIFIUTI – In questi giorni di festa c’è anche una vera emergenza rifiuti. Decine le segnalazioni provenienti da tutti i quartieri della città. Cassonetti pieni e cumuli di immondizia che invadono le strade impedendo il passaggio a carrozzine per disabili e passeggini. Dal centro storico alla periferia, la situazione non cambia. La carenza impiantistica e la lentezza degli Stir (ultimo fra tutti quello di Giugliano) si sono sommati alla difficoltà a smaltire la frazione umida. Facendo così collassare il sistema sotto Natale. E in questa situazione di caos ritornano gli incendi dei rifiuti.

 

Potrebbe anche interessarti