Coronavirus, attenzione alla truffa del tampone: entrano in casa e la svaligiano

coronavirusNel momento del dramma nazionale, quando a Bergamo è l’esercito a doversi occupare delle salme e il Sud rischia il collasso, c’è chi approfitta della debolezza e delle paure del prossimo. Da Bacoli giunge la segnalazione della truffa del tampone: alcuni individui si fingono uomini della Protezioni Civile e, con la scusa di dover effettuare il test a domicilio per coronavirus, svaligiano gli appartamenti. La vittima designata, ovviamente, è costituita dagli anziani.

A scriverlo è il sindaco Josi:

“Molti anziani di Bacoli, in queste ore, stanno ricevendo chiamate da presunti volontari della Protezione Civile che si propongono per realizzare, a domicilio, tamponi per scoprire se si è positivi al Coronavirus. Sono dei farabutti, dei delinquenti. Mossi dall’intento di entrare a casa dei più deboli, per rubare ogni cosa. Invito a contattare immediatamente le forze dell’ordine. Per arrestarli. Sbatterli in galera. Mi rivolgo a tutti voi per aiutarmi a diffondere questo messaggio. Ed, in particolare, scrivo a chi ha genitori o parenti anziani che vivono da soli. Fategli una chiamata per informarli di questo tentativo di truffa, di furto. Evitiamo che questi malfattori possano farla franca. Insieme, sconfiggeremo anche loro”.

Potrebbe anche interessarti