Covid, morto noto medico dell’Ospedale Moscati: “Ha lavorato fino alla fine in reparto”

Ospedale Moscati

Avellino – morto noto medico dell’ospedale Moscati. Mentre l’Italia si prepara a scoprire le novità del nuovo Dpcm di Natale, sono tanti purtroppo i medici, gli infermieri e gli altri operatori sanitari che hanno perso la vita durante la battaglia contro il covid che ormai dura da quasi un anno.

Secondo gli ultimi aggiornamenti sarebbero oltre 200 i medici morti per covid durante questo periodo, sui 50 invece il numero dei decessi tra la categoria degli infermieri. Classe di lavoratori esposti in prima persona al virus che per salvare i pazienti hanno perso la propria vita tra le corsie degli ospedali.

In Campania l’ultimo decesso di un medico si registra ad Avellino, si tratta dell’infettivologo Mario Claudio Magliocca – dirigente medico dell’Unità operativa di Malattie Infettive dell’Azienda ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino. L’uomo, 66 anni, era stato in prima linea nella lotta al coronavirus e proprio al virus era risultato positivo e ricoverato lo scorso 20 novembre.

La notizia della sua scomparsa ha suscitato profondo dolore in tutti i dipendenti dell’ospedale Moscati. “La tragedia collettiva che stiamo vivendo – afferma il Direttore generale dell’Azienda Moscati, Renato Pizzuti – è ancora più drammatica quando colpisce uno dei medici impegnati in prima persona proprio nella lotta contro il Coronavirus.

Il dottore Magliocca ha lavorato fino alla fine in uno dei reparti Covid, con grande umanità, competenza e profondo senso del dovere. La famiglia del Moscati si stringe intorno ai parenti, ai colleghi e agli amici del dottore Magliocca, del quale conserverà sempre vivo il ricordo dell’uomo e del medico“.

Potrebbe anche interessarti