Tracce di covid nel 18% dei supermercati analizzati: l’indagine dei Nas

nas supermercatiContinua il lavoro di tutte le forze dispiegate sul campo per combattere il covid. Da una parte i medici, in trincea da più di un anno che lottano nelle terapie intensive e creano vaccini, dall’altra i Carabinieri e la Polizia che cercano di far rispettare le regole. In una campagna a livello nazionale, i Carabinieri Nas controllato i supermercati per accertare la corretta esecuzione delle operazioni di sanificazione anti-Covid. Complessivamente sono stati ispezionati 981 esercizi tra quelli di maggiore afflusso, rilevando irregolarità presso 173 di essi, pari al 18%. Immediata sospensione nei confronti di 12 supermercati.

Secondo quanto riportato dalla nota ufficiale dei Nas, gli esiti analitici hanno rilevato la positività alla presenza di materiale genetico del virus in 18 casi riconducibili a carrelli e cestini impiegati dalle utenze, tastiere per il pagamento bancomat e carte di credito (Pos), tasti delle bilance e dispositivi “salvatempo” impiegati dagli utenti per la lettura automatica dei prodotti acquistati. I supermercati presso i quali sono state evidenziate positività al Covid-19, appartenenti a diverse aziende della Grande Distribuzione, sono stati individuati nelle città di Roma, Latina, Frosinone, Grosseto, Terni, Salerno e Catania nonché in altri esercizi nelle province di Parma, Perugia e Cagliari.

NAS – CASI COVID NEI SUPERMERCATI IN CAMPANIA

NAS di Salerno
Presso un supermercato ubicato in Salerno, è stata rilevata la positività di un tampone di superficie, su un totale di 14 effettuati, prelevato sul terminale di pagamento POS.

NAS di Napoli
Individuati, nel capoluogo campano, 2 supermercati inottemperanti alle misure di prevenzione anti Covid-19 ed ulteriori 2 con gravi carenze igienico-sanitarie ed oggetto di chiusura amministrativa, sequestrando complessivamente kg. 450 di alimenti vari.

Lo stesso lavoro era stato compiuto ad inizio aprile sui mezzi pubblici e a Napoli non era stata trovata alcuna traccia di covid.

Potrebbe anche interessarti