Teverola, spaventoso incendio nella zona industriale: nube tossica visibile in tutto l’Agro Aversano

incendio carinaro
Foto e Video – Margherita Lamino

Sono spaventose le immagini dell’incendio che arrivano dalla zona industriale di Carinaro e Teverola. Una fabbrica di autoricambi è andata a fuoco e il fumo e la nube tossica si stanno espandendo a macchia d’olio su tutta la zona nord di Napoli e dell’Agro Aversano.

Sono diverse le squadre dei vigili del fuoco che stanno cercando in questi minuti di domare le fiamme. L’odore acre del fumo ha raggiunto anche la zona di Orta di Atella, Succivo, Sant’Arpino arrivando fino a Marcianise. Un disastro vero e proprio. L’ennesimo in questa terra martoriata da episodi del genere.

Tanti sono i video sui social che riprendono la scena raccapricciante dell’incendio divampato nella zona tra Carinaro e Teverola. Inizialmente si ipotizzava fosse andata a fuoco una fabbrica di produzione di polistirolo ma poi notizie più certe hanno affermato che l’azienda interessata sia una di autoricambi. Le autorità hanno chiuso l’uscita dell’Asse mediano di Carinaro.

Nube tossica vista da S.Antimo – Foto Margherita Lamino

Lo stesso Comune di Carinaro ha avvisato i propri cittadini di non uscire di casa: “In considerazione dell’incendio esploso presso una fabbrica in zona industriale Carinaro Teverola, nonostante il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, si invita la popolazione a rimanere in casa, chiudere porte e finestre e non accendere i condizionatori d’aria ! Seguiranno ulteriori aggiornamenti“.

Nube tossica vista da Aversa – Foto Margherita Lamino

A confermare l’incendio nella fabbrica di auto ricambi ci ha pensato anche la pagina Twitter dei Vigili del Fuoco che, prontamente, dopo aver spento la parte principale, ha postato un video dell’intervento.

Quattro squadre dei #vigilidelfuoco al lavoro dalle 14 per spegnere l’#incendio nel deposito di un’azienda che produce pezzi di ricambio per auto a Teverola (CE). Rinforzi anche da Napoli, al momento non risultano segnalazioni di persone coinvolte“.

 

Potrebbe anche interessarti