Disastro a Ravanusa: scoppia un tubo del gas e crollano 4 palazzi. Quattro morti

disastro ravanusa
Foto: Vigili del Fuoco, Twitter

Tragedia a Ravanusa, cittadina in provincia di Agrigento dove sono crollate alcune palazzine. Quattro gli edifici coinvolti. Il fatto sarebbe avvenuto ieri sera in seguito allo scoppio di un tubo di un metanodotto, secondo l’ipotesi al momento più accreditata. Un’ingente perdita avrebbe provocato la fortissima deflagrazione. La Protezione Civile ha affermato che “Sicuramente c’è stata una fuoriuscita di gas che ha creato una sorta di sacca di metano espansa. La forza dell’esplosione, forse innescata dall’avvio di un ascensore, potrebbe essere stata potenziata da una stufetta a gas, ma è ancora troppo presto per dirlo”.

Disastro di Ravanusa: quattro morti, proseguono i soccorsi

Quattro le vittime accertate alle ore 8.35 di questa mattina, cinque i dispersi. Sono ben 50 le persone che non possono al momento rientrare a casa: costoro hanno trovato in massima parte alloggio presso parenti ed amici, altri invece sono stati ospitati dai centri temporanei predisposti dal Comune.

Sul posto sono intervenuti immediatamente i Vigili del Fuoco e gli uomini della Protezione Civile. Il sindaco Carmelo D’Angelo ha partecipato alle operazioni di soccorso, facendo un appello a chiunque in possesso autobotti e mezzi meccanici, come ruspe, ma anche pale, di metterle a disposizione dei soccorritori. Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, è diretto anch’egli sul luogo del disastro.