Vigilia di sangue: Antonio ucciso per difendere la sua pescheria, lascia moglie e figli

antonio morioneTorre Annunziata – Antivigilia di sangue a Boscoreale, nel Napoletano, dove Antonio Morione (residente a Torre Annunziata) è stato ucciso nel corso di una rapina per difendere la sua pescheria. Ieri sera, verso le 21.45, alcuni uomini si sono avvicinati alla sua attività per commettere una rapina a mano armata. La notte del 23 dicembre è, tradizionalmente, quella dove ci si reca a comprare il pesce per il cenone della Vigilia.

Davanti ai figli ed alcuni clienti Antonio Morione, classe 1980, ha reagito rifiutando di consegnare i soldi presenti in cassa. Successivamente, forse, ha consegnato i soldi per poi però inseguire i malviventi in fuga. A quel punto uno di essi avrebbe fatto esplodere un colpo di pistola che ha raggiunto il pescivendolo, morto al pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia. Ha lasciato moglie e tre figli. La dinamica dei fatti è ancora in corso di ricostruzione da parte delle forze dell’ordine.

Potrebbe anche interessarti