Pizzaiolo arrestato nel suo locale: sotto l’impasto nascondeva la cocaina

Caserta La Polizia di Stato ha arrestato ieri 21 aprile un pizzaiolo che, al di sotto del piano di marmo utilizzato per stendere l’impastato, nascondeva un contenitore con all’interno della cocaina che spacciava ad avventori “particolari” del locale.

In particolare, nell’ambito di mirati servizi finalizzati alla prevenzione ed al contrasto del traffico di stupefacenti, gli investigatori della Squadra Mobile della Questura, avendo notato movimenti sospetti di persone all’esterno di un esercizio di somministrazione di Caserta, controllavano una persona all’interno del locale ove lo stesso esercitava il mestiere di pizzaiolo.

In seguito a perquisizione, veniva rinvenuto in un cassetto posto al di sotto del piano in marmo per la lavorazione delle pizze un contenitore in plastica di colore arancione del tipo “ovetto kinder” al cui interno erano nascoste 11 dosi di cocaina, strumenti di precisione e materiale utile al confezionamento delle dosi. Ulteriore sostanza stupefacente veniva rinvenuta anche nei pressi della postazione dove era stipata la legna da ardere per il forno.

Ad accertamenti ultimati, si è proceduto all’arresto dell’uomo, che veniva sottoposto agli arresti domiciliari, nonché, al sequestro della cocaina rinvenuta, del peso complessivo di circa 6 grammi.

Potrebbe anche interessarti