Si ustiona con l’acqua bollente mentre cucina: donna morta al Cardarelli

Foto google maps

E’ deceduta, tra la notte di lunedì e martedì, all’ospedale Cardarelli di Napoli la signora Luisa Maria Infantini, 71enne di Marina di Camerota, in provincia di Salerno, che si sarebbe ustionata con l’acqua bollente lo scorso weekend mentre preparava il pasto. A renderlo noto è ‘Il Mattino’.

Cardarelli, morta 71enne: si è ustionata con l’acqua bollente

La donna si trovava da sola in casa essendo risultata positiva al covid-19 ma con nessun grave sintomo. Durante l’isolamento sarebbero state le sorelle a prepararle il pasta. Quel giorno, tuttavia, aveva deciso di mettersi ai fornelli ma calando la pasta in pentola, a seguito della cottura, si sarebbe versata l’intero contenuto, compreso di acqua bollente, addosso.

Le sue urla avrebbero attirato subito i familiari, residenti nello stesso stabile, spingendoli ad allertare tempestivamente il 118. Dopo l’intervento dei sanitari la donna avrebbe continuato a lamentare forti fastidi rendendo necessaria la corsa al pronto soccorso di Vallo della Lucania.

Di qui il trasferimento prima al polo covid di Agropoli poi presso il Centro Grandi Ustionati dell’ospedale Cardarelli di Napoli. Qui le sue condizioni si sarebbero aggravate portando, in breve tempo, la 71enne al decesso. Un tragico epilogo che ha scosso l’intera cittadinanza che proprio nella giornata di oggi, alle ore 17:00 presso la chiesa di Sant’Alfonso de’ Liguori, si riunirà per l’ultimo saluto.

Potrebbe anche interessarti