Tragedia Cardito, chiesto l’ergastolo anche per la madre di Giuseppe. Il PM: “Anche gli animali proteggono i figli”

giuseppe dorice tony essobti badreIl sostituto procuratore generale di Napoli, Anna Grillo, nel corso dell’udienza di oggi presso la Corte di Assise di Appello ha chiesto l’ergastolo anche per Valentina Casa, la madre del piccolo Giuseppe Dorice, ucciso brutalmente di botte dal patrigno Toni Essobti Badre. In primo grado la donna è stata ritenuta colpevole di gravi omissioni e condannata a sei anni di reclusione, Badre invece è stato condannato all’ergastolo, pena di cui l’accusa ha chiesto la conferma in Appello.

LEGGI ANCHE – Tragedia di Cardito, Tony Badre: “Chiedo perdono. Ho fumato una canna e si è spento il cervello”

La dottoressa Grillo chiede dunque che a entrambi venga comminato l’ergastolo. Valentina Casa, secondo il sostituto procurato, ha omesso di difendere il figlio nonostante fosse cosciente che la condotta di Toni Badre lo avrebbe portato alla morte. Si sarebbe sempre astenuta dal fermare quella raccapricciante brutalità destinando il piccolo Giuseppe alla morte.

Nel corso della discussione, riporta l’agenzia di stampa Ansa, il sostituto procuratore Grillo ha ripercorso lo svolgimento dei fatti soffermandosi sulla circostanza che, se Giuseppe fosse stato soccorso in tempo, si sarebbe potuto salvare. Il bambino invece è stato abbandonato e lasciato morire. “Si è toccato il fondo della crudeltà umana – le parole della dottoressa Grillo – Anche gli animali hanno l’istinto di proteggere i propri cuccioli”.

Potrebbe anche interessarti