Nicola bruciato vivo sulla panchina, come sta adesso. Sarà ascoltato dagli inquirenti

Immagine di repertorio

Nicola Liguori verrà ascoltato dagli inquirenti giovedì prossimo, ammesso che le sue condizioni di salute siano abbastanza buone da permettergli di sostenere la conversazione.

Nicola Liguori sarà ascoltato dagli inquirenti

Il ragazzo attualmente è ricoverato presso il Policlinico di Bari dove è stato trasferito con ustioni su su larga parte del suo corpo. È stato in fin di vita dopo essere stato bruciato vivo su una panchina a Frattamaggiore, in provincia di Napoli, mentre videochiamava la sua fidanzata seduto su una panchina. Ad un certo punto, racconta la ragazza, un’ombra si sarebbe avvicinata appiccando il fuoco.

Ad essere indiziato e sottoposto a fermo è Pasquale Pezzella, il quale respinge da sé ogni tipo di accusa. Secondo la testimonianza fornita dalla madre di Liguori e da suo fratello, Biagio Giordano, il padre di Pezzella avrebbe offerto dei soldi alla famiglia in cambio del silenzio. Circostanza, quest’ultima, negata dagli interessati.

L’incidente probatorio di oggi

Oggi nel frattempo – riferisce il quotidiano la repubblica – si è tenuto l’incidente probatorio con protagonisti propiro il fratello e la madre di Nicola Liguori. La donna si sarebbe sentita male mentre rispondeva alle domande del sostituto procuratore di Napoli Nord e dell’avvocato Fernando Pellino, legale di Pasquale Pezzella.


Potrebbe anche interessarti