Bambina lanciata dalla finestra, il sindaco: “Una figlia desiderata. Non ci diamo pace”

carabinieri
Carabinieri

La comunità di Fisciano (Salerno) è profondamente colpita da quanto è accaduto ieri mattina, quando una bambina di due anni è stata lanciata dalla finestra del terzo piano dal padre. L’uomo è stato arrestato per tentato omicidio ed ha confessato il proprio gesto nel corso dell’interrogatorio.

Bambina lanciata dalla finestra, il sindaco: “Famiglia perbene, una figlia desiderata”

A farsi testimone dello sgomento cittadino è il sindaco Vincenzo Sessa, che in una nota ha scritto: “Tutti conoscevano bene questa famiglia, una famiglia perbene, senza particolari disagi. Non c’era stato mai nessun segnale, mai nessuna segnalazione ai servizi sociali”.

“Questa bambina è stata tanto desiderata da questa coppia – continua il primo cittadino di Fisciano – Siamo ancora increduli per quanto accaduto. C’è una comunità sotto choc. Da ieri non ci diamo pace perché è una famiglia tranquilla, senza apparenti problematiche, inserita in tutti i contesti sociali della comunità. Siamo contenti che la bambina si sia salvata, che non abbia riportato gravi lesioni. Come comunità ci stringiamo intorno alla famiglia perché capiamo l’immane tragedia che è successa e siamo senza parole”.

Il padre ha confessato il gesto

L’uomo di 40 anni ha confessato di aver lasciato cadere la bambina dal balcone. Non è ancora stato diffuso, però, a cosa è stato dovuto il gesto: una delle ipotesi riguarda una lite di coppia culminata in una follia. Un’altra voce, riportata dal primo cittadino, vorrebbe che il padre non stesse bene da qualche giorno, diceria che tuttavia non fornisce ulteriori elementi e dunque potrebbe essere del tutto infondata.

La bambina lanciata dalla finestra non ha riportato gravi lesioni a causa della caduta

Fortunatamente la bambina non ha riportato gravi lesioni a causa della caduta, rimanendo viva per miracolo. L’unica certezza al momento è questo, ed è anche l’aspetto più importante della notizia. Gli inquirenti avranno certamente modo di ricostruire l’accaduto.


Potrebbe anche interessarti