Napoli, decapitato il clan Mazzarella: maxi blitz all’alba, arrestati oltre 20 camorristi

antimafia
Antimafia. Immagine di repertorio

Maxi blitz all’alba, a Napoli, contro gli esponenti del clan Mazzarella. L’operazione è stata eseguita dalla Polizia di Stato e dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli contro oltre 20 persone ritenute affiliate al clan di camorra. Le accuse a loro carico sono associazione di tipo mafioso, estorsione e detenzione di armi.

Napoli, maxi blitz contro il clan Mazzarella

Nei confronti degli indagati il gip di Napoli ha emesso delle misure cautelari che la Polizia di Stato sta notificando ai destinatari nei quartieri Forcella e Maddalena della città nell’ambito di una vasta operazione anticamorra.

L’egemonia del cartello nella città di Napoli

Il clan Mazzarella è egemone nell’area del centro di Napoli, secondo l’ultima mappa della camorra stilata dall’Antimafia. Nel documento di legge che i Mazzarella ed i gruppi collaterali dispigano la propria influenza sull’Area Centrale della città di Napoli, in particolare i quartieri Avvocata, San Lorenzo/Vicaria, San Carlo Arena/Stella, Mercato/Pendino, Poggioreale, Montecalvario, Chiaia/San Ferdinando/Posillipo. Nel contesto urbano centrale il cartello criminale ha riacquistato il controllo del mercato della droga e delle attività estorsive.

I clan della zona sono: MAZZARELLA, SIBILLO, RINALDI, gruppo FERRAIUOLO, AMIRANTE, BUONERBA, SIBILLO-BRUNETTI-GIULIANO- DE MARTINO, VICORITO, CUOMO, CALDARELLI, PAPI-IAFULLI CONTINI, BOSTI, LICCIARDI, MALLARDO, SALTALAMACCHIA, MASIELLO, ESPOSITO, MARIANO, RICCI-D’AMICO, TRONGONE, PRINNO, MONTESCURO, LEPRE, SEQUINO, VASTARELLA, MAURO, SAVARESE, ELIA, famiglia NOCERINO, STRAZZULLO, PICCIRILLO, CIRELLA, FRIZZIERO, CALONE.


Potrebbe anche interessarti