Università Federico II: simula un cancro per passare l’esame

Università Federico II, foto wikipedia

Il 18 Febbraio si è tenuto, nelle aule del palazzo di via Marina della Federico II, l’esame di Procedura Civile, ostacolo molto temuto da tutti i laureandi in Giurisprudenza. Una ragazza ha cercato di aggirare l’ostacolo fingendosi una malata di cancro, sottoposta a un trattamento chemioterapico.

Una messinscena, così ben fatta, da convincere anche i docenti esaminandi. La ragazza ha superato l’esame, forse aiutata dalla sua millantata condizione. Il caso ha voluto che a sostenere lo stesso esame ci fosse anche Edda, studentessa che, dall’11 Maggio 2012, combatte contro il cancro e che ha provato su se stessa gli effetti di una chemioterapia. E proprio lei, scoprendo l’imbroglio, l’ha reso pubblico raccontandolo a noi di VesuvioLive: “Si è presentata all’appello fasciando la testa in un foulard, simulando la calvizie che consegue le cure, e con bende sparse a caso sul corpo, parlando con tutti della sua triste condizione“.

Farmaci per chemioterapia

Nel vedere la sua collega in quello stato così familiare, Edda si è subito prodigata per starle vicino offrendole il suo sostegno, sia morale che fisico, fino a scambiare con lei il numero di telefono per tenersi in contatto anche dopo l’esame. Per settimane, la ragazza ha continuato a fingere nelle lunghe conversazioni in chat con la compagna di università, poi la verità è venuta a galla. “Non solo non aveva la minima idea di cosa fosse un trattamento chemioterapico, – spiega Edda – per quanto i suoi capelli erano lunghi fino alla schiena”. Delusa ed offesa dal comportamento, Edda ha incontrato la bugiarda faccia a faccia, che ha prontamente negato tutta la farsa pur davanti all’evidenza delle conversazioni su Whatsapp.

Purtroppo l’università non ha nessun modo per punire un simile comportamento, ma resta lo sdegno. Una bravata di una ragazza immatura, certo, ma che suona tanto come una presa in giro per chi cerca di sopravvivere giorno dopo giorno combattendo una malattia terribile con discrezione e coraggio. Nulla può rendere meglio la bassezza di un simile comportamento come le parole della stessa Edda:“Oggi sto meglio , i capelli sono ricresciuti…la terapia oncologica che affronto ora non è spietata come la chemioterapia…che, da profani , chiamiamo “rossa”…ma sono morte tutte le mie compagne di “sala chemioterpica”… ed io non posso accettare che si manipoli questo strazio!”

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più