A Napoli riparte la ristorazione: “Vogliamo il via libera anche nei weekend, lo meritiamo”

L’economia campana finalmente riparte e dopo mesi di sacrificio, i ristoratori di Napoli, con la zona gialla, sono pronti ad accogliere nuovamente i clienti.

Ristoratori di Napoli: con la zona gialla pronti a ripartire

Si punta soprattutto sui napoletani come sottolinea Corrado Todisco, di ‘Lungomare’, che all’Ansa ha dichiarato: “Ripartiamo dai napoletani anche se i turisti sono una parte fondamentale della nostra clientela. Ma ci sono segnali positivi, la riapertura, i vaccini su cui la Campania corre, lavoriamo augurandoci di poter ritrovare la piena normalità dopo tante perdite“.

Anche i locali del lungomare riescono a riaprire nonostante i danni della mareggiata dello scorso 28 dicembre, che ha contribuito ad aggravare il comparto economico messo già in ginocchio dalla pandemia.

Danni pesanti, da migliaia di euro, gli operai sono ancora al lavoro ma abbiamo creato una struttura provvisoria con i tavoli all’esterno per partecipare alla riapertura. Cerchiamo però di essere positivi. Aspettiamo che ci diano il via libera almeno a pranzo anche nei week-end, ce lo meritiamo– continua Simona di Vicino di ‘Regina Margherita’.

Come ha sottolineato il Presidente De Luca, nel suo atto di richiamo, l’importante è rispettare le norme previste come unico modo per uscire il prima possibile dalla crisi. Sarebbe impossibile immaginare un altro lockdown, anche se la curva epidemiologica non sembra intenzionata a scendere.

Per tutti, ricominciare ha comunque le sue difficoltà, si procede a ritmi lenti, ma con tanta voglia di tornare alla normalità. Il desiderio dei ristoratori è sicuramente trovare un po’ di stabilità tra un Dpcm e un altro.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più