Reddito di Cittadinanza aggiuntivo, fino a 4.680 euro in più: chi può richiederlo e come

L’Inps ha diffuso la nuova circolare per richiedere il Reddito di Cittadinanza aggiuntivo che va ad incrementare l’assegno già percepito per coloro che avviano una nuova attività professionale o commerciale entro i primi 12 mesi di fruizione del beneficio. Il sussidio è già stato introdotto lo scorso settembre ma soltanto ora sono state rese note le modalità per richiederlo.

Reddito di Cittadinanza aggiuntivo: chi può richiederlo e come

Per i beneficiari del Reddito che, entro 12 mesi dall’erogazione dell’incentivo, avviano un’attività di lavoro autonoma, di impresa individuale o una società cooperativa, è riconosciuto un beneficio addizionale pari a sei mensilità (fino a 780 euro mensili) corrisposto in un unica soluzione. Il totale, dunque, ammonterebbe a circa 4.680 euro.

Può farne richiesta il soggetto, o un componente del suo nucleo familiare, che al momento della compilazione della domanda risulta beneficiario di una prestazione di Reddito di Cittadinanza in corso di erogazione. Il beneficio addizionale non spetta al richiedente quando l’attività lavorativa sia stata avviata prima del riconoscimento del Reddito o quando, analogamente, la quota di capitale sociale di una cooperativa sia stata sottoscritta prima dell’accesso alla medesima misura.

L’avvio delle attività deve essere comunicato entro trenta giorni dall’inizio delle stesse tramite il modello ‘RdC-Com Esteso’. Per le attività avviate e regolarmente comunicate deve essere effettuata una nuova comunicazione all’INPS mediante il nuovo schema di modello ‘Com Esteso’.

E’ possibile compilare i moduli e inoltrare la richiesta del beneficio aggiuntivo collegandosi al sito dell’INPS (effettuando l’accesso tramite SPID, Carta Nazionale dei Servizi o Carta di Identità Elettronica), rivolgendosi agli istituti di patronato o ai centri di assistenza fiscale.

Potrebbe anche interessarti