L’aumento di gas e luce si riflette sui beni di consumo: rincari su zucchero, biscotti, caffè, farina

rincariL’aumento del costo dell’energia elettrica e del gas avrà ripercussioni non solo sulle bollette degli italiani, salgono infatti i prezzi di alcuni beni di consumo che subiranno pesanti rincari. Se nei giorni scorsi era stato annunciato l’aumento del prezzo del caffè e della pizza, ora è la vola di quasi tutti i prodotti che quotidianamente finiscono sulle nostre tavole e nel nostro carrello della spesa.

AUMENTO GAS E LUCE, RINCARI SUI BENI DI CONSUMO

E’ il Sole 24 Ore a fare qualche esempio di cosa aumenterà e di quanto: pasta (+8%), biscotti (+10%), caffè (+5%), farina (+20%), zucchero (+5%) e olio di semi (+10%). Come spiegato da Giorgio Panizza, consigliere d’amministrazione della catena della grande distribuzione Gigante:

Senza interventi, l’aumento bollette peserà anche sul carrello della spesa. Per il primo trimestre del 2022 sono previsti aumenti del 55% per l’elettricità e del 40% per il gas, un incremento insostenibile e al qual bisogna porre rimedio“.

Tutto ricadrà quindi sul consumatore finale, per questo il governo è al lavoro per degli interventi mirati che possano aiutare anche economicamente gli italiani. Sostegni che devono arrivare quanto prima e devono porre un freno a questo aumento, come spiegato anche da Panizza che sottolinea come i rincari non riguarderanno solo i prodotti:

Il Governo deve intervenire subito in maniera forte e decisa, per contenere il costo dell’energia impedendo che le famiglie siano penalizzate, oltre che dalle ‘bollette’, anche dal carrello della spesa. Ai rincari sui prodotti si devono aggiungere quelli di plastica (+70%), del vetro (+40%) e della carta e del cartone (+31%) per gli imballaggi che inevitabilmente vanno a incidere su tutto l’andamento delle filiere. A ciò, poi, bisogna aggiungere il costo dell’energia proiettato direttamente sui nostri punti vendita e su tutte le nostre strutture che devono essere illuminate, devono contare sul sistema di refrigerazione per la conservazione degli alimenti e, nel prossimo futuro, con l’aumento delle temperature, sul condizionamento dell’aria“.

Potrebbe anche interessarti